Coronavirus, sequestrati 900 kit falsi per la diagnosi in un laboratorio a Rizziconi

Destinati alla vendita online, sono stati individuati dalla Guardia di Finanza

0
4888

Novecento falsi kit per la diagnosi del Coronavirus, del tutto privi di autorizzazione e certificazione, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Gioia Tauro in un laboratorio di analisi a Rizziconi.

I kit erano destinati alla vendita online; i cittadini che li hanno acquistati, lo hanno fatto credendo che avrebbero avuto l’esito dell’esame per la diagnosi del Coronavirus, ma quei tamponi tuto erano fuorché a norma.

Fortunatamente le Fiamme Gialle sono riuscite ad intervenire, bloccando l’ordine prima che la merce venisse spedita.

I kit non avevano né la validazione delle autorità sanitarie nazionali né la certificazione Ce: alcuni erano già stati pagati dai cittadini con un bonifico  ma, fortunatamente, non erano stati spediti.

Al titolare del laboratorio di analisi è stata contestata la violazione della specifica fattispecie prevista dalle direttive CE, punita con la sanzione amministrativa da 21.400 a 128.400 euro.