Container radioattivo, controlli medici per 8 portuali gioiesi

I controlli effettuati dall'Arpa Liguria avrebbero rilevato una sorgente radioattiva di Cesio 137

0
2575

Otto portuali che lavorano a Gioia Tauro hanno dovuto sottoporsi a una serie di controlli medici su indicazione della Prefettura.

La procedura è stata avviata dopo che dal porto di Genova è arrivata la segnalazione relativa a un container passato dallo scalo gioiese i cui livelli di radioattività sarebbero risultati ai limiti o addirittura oltre i limiti di legge.

Sulla vicenda a Gioia Tauro vige il massimo riserbo e le informazioni trapelate sono ancora frammentate.

Il container in questione dovrebbe essere quello sbarcato il 27 febbraio nel porto di Genova. I controlli effettuati dall’Arpal avrebbero rilevato una sorgente radioattiva di Cesio 137. Il carico, è stato isolato in un’area sicura del porto ligure dopo l’intervento dei Vigili del Fuoco della divisione Nbcr (Nucleare, Biologico, Chimico e Radioattivo).

Dovrebbe trattarsi di radioattività di media intensità che potrebbe essere pericolosa se lasciata per parecchio tempo nelle vicinanze della presenza umana.

Il container era stato imbarcato in Pakistan e contiene rottami di rame destinati a un’azienda lombarda.

Il carico isolato a Genova è stato scaricato nel piazzale del porto di Gioia Tauro il 20 febbraio per ripartire il 23 febbraio.

Il protocollo in questi casi prevede che i controlli vengano effettuati su tutti gli operatori che potenzialmente sono entrati in contatto con il materiale radioattivo.

In questo caso i contatti sarebbero stati minimi perchè il container era all’interno della stiva e l’unico operaio ad essersi avvicinato per più di qualche secondo dovrebbe essere stato il checker.

I portuali che si sono sottoposti a esami medici sono dipendenti della Medcenter e di un’altra ditta esterna.

Alcuni medici hanno rassicurato i lavoratori sostenendo che eventuali pericoli sarebbero potuti derivare solo da una esposizione prolungata alle sostanze radioattive.

Venerdì 24 marzo ci sarà una riunione in cui i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza dovrebbero avere maggiori informazione su quanto è accaduto.