Cinquefrondi, distribuite le prime mascherine realizzate dai volontari

Conia: «Sono orgoglioso dei miei cittadini, siamo una comunità»

Cinquefrondi (foto Riefolo)

«Visto che le mie richieste ufficiali ed i miei costanti appelli ad essere forniti di materiale di protezione, come le mascherine, ad oggi non hanno ricevuto alcuna risposta, grazie ad una collaborazione bella che si è creata a Cinquefrondi, questa mattina abbiamo iniziato a distribuire delle mascherine».

È il sindaco di Cinquefrondi Michele Conia ad annunciarlo attraverso un video pubblicato nella pagina Facebook dell’Amministrazione Comunale, informando che il criterio adottato per la distribuzione è stato la maggiore esposizione al rischio derivante da lavoro.

Quindi, sono stati beneficiati innanzitutto coloro che lavorano in strada, come i netturbini e gli addetti al decoro della città.

Le mascherine sono state realizzate nei locali della Parrocchia di Cinquefrondi, messi a disposizione dal parroco; vi hanno lavorato alcuni volontari che il sindaco ringrazia singolarmente per l’impegno e la generosità, con il supporto delle attività commerciali che hanno donato il materiale per realizzarle.

Il loro lavoro continua, continuerà nei prossimi giorni, grazie anche ad altri volontari – sarte soprattutto – che si sono rese disponibili a realizzare in casa le mascherine da donare al Comune, per essere poi consegnate a chi ne ha necessità.

«Chi di dovere non ce le ha fornite – aggiunge il sindaco – ma da sindaco non posso non essere orgoglioso della mia gente, gente straordinaria, per il lavoro che sta facendo: è la dimostrazione che siamo una comunità che vuole resistere ed alzare la testa».

Le mascherine saranno distribuite nei prossimi giorni, appena saranno arrivate in Comune; i volontari infatti le stanno realizzando quotidianamente per riuscire a soddisfare la richiesta.

«L’obiettivo è di consegnarle a tutti – ha concluso Conia – partendo da chi una mascherina non ce l’ha e da chi ne ha più necessità. Sono sicuro che i miei cittadini capiranno l’importanza di questa scelta. È un momento difficile per tutti, dobbiamo continuare a dimostrare grande responsabilità».