BioUpper Award, trionfa Patch, la startup dall’anima palmese

Premiato al MISE il chatbot di e-Health ideato da Alessandro Monterosso, infermiere e ricercatore di origine palmese

Ricordate “Patch”, il chatbot basato sull’intelligenza artificiale che migliora efficienza e accuratezza dei test clinici e la comunicazione con il proprio medico, che funge da assistente personale del paziente?

Bene, Patch è uno dei vincitori della terza edizione di BioUpper, il programma promosso da Novartis e Fondazione Cariplo, in collaborazione con IBM e Cariplo Factory, che incentiva i giovani talenti che intendono sviluppare startup nelle Scienze della Vita.

il buon caffè della Piana il buon caffè della Piana il buon caffè della Piana Ape maia

La scorsa estate Inquieto Notizie ha intervistato uno l’ideatore e CEO di Patch, Alessandro Monterosso, palmese d’origine, laureato in Infermeria Pediatrica col massimo dei voti, da sempre appassionato di ricerca.

Ma cos’è Patch?

È un chatbot mobile e cloud, basato su Intelligenza Artificiale, pensato per ricevere e fornire dati relativi ai Clinical Trials. È in grado di automatizzare i processi per migliorare l’efficienza e l’accuratezza dei Clinical Trials, attraverso dei patient-reported outcome (PRO) in tempo reale, oltre che alla possibilità di inserire dati di diversi formati.

L’utilizzo di Patch nei Clinical Trials ha il potenziale di migliorare il benessere dei pazienti, il loro coinvolgimento e la loro esperienza, oltre che alla comunicazione tra medico e paziente.

Patch, insieme agli altri due progetti innovativi, Anat e Quickly Pro, è stato premiato nei giorni scorsi al Ministero dello Sviluppo Economico, durante una cerimonia alla quale erano presenti i delegati delle aziende promotrici di Bioupper

I tre team premiati hanno ricevuto un voucher da 180mila euro in servizi ciascuno, da investire nello sviluppo della loro idea. A valutarli è stata una giuria altamente qualificata costituita da esponenti di primo piano del mondo Istituzionale, scientifico, accademico italiano e della startup community.

«Questa terza edizione di BioUpper ha confermato che in Italia abbiamo le competenze, la creatività e il tessuto industriale adatto per dare vita a progetti innovativi nel campo delle scienze della vita, un settore strategico che cresce, crea lavoro e incide sensibilmente sulla ricchezza del Paese» commenta Pasquale Frega, Country President di Novartis Italia e amministratore delegato di Novartis Farma.