Arrestato il latitante Rocco Pasqualone

0
2989

PASQUALONE ROCCO Classe.1969GIOIA TAURO – I carabinieri del Comando provinciale hanno arrestato questa mattina all’alba il latitante Rocco Pasqualone. L’uomo, 45 anni, condannato a 14 anni, tre mesi e 19 giorni di carcere per traffico internazionale di droga, era ricercato dallo scorso giugno.

Pasqualone si nascondeva in un’abitazione in contrada Caridi a Gallina, di proprietà del datore di lavoro della sua compagna, la 33enne E. P.

I carabinieri hanno individuato il latitante dopo aver controllato i movimenti della sua compagna e dei suoi familiari.

Pasqualone è stato sorpreso all’alba mentre si trovava a letto con la fidanzata. Non aveva armi e non ha opposto resistenza. Nonostante avesse documenti contraffatti, ha comunicato subito la sua vera identità. In un’altra parte dell’immobile sono stati trovati anche il proprietario della casa e sua moglie. Questi ultimi, assieme alla fidanzata di Pasqualone, sono stati arrestati per procurata inosservanza di pena.

La condanna di Pasqualone arriva da un’operazione dell’ottobre del 2005, con cui la Dda di Reggio ha disposto la cattura di 18 persone, tutte coinvolte in un’organizzazione specializzata nel traffico di cocaina, sotto il controllo del clan Piromalli-Molè. La base operativa era a Gioia Tauro, mentre la cocaina, proveniente dal Sud America, transitava dai Paesi Paesi dell’Est europeo, in particolare dalla Bulgaria.
La droga, nascosta all’interno di pallet di legname, era smerciata in Calabria, Lombardia, Sicilia e Lazio.

Pasqualone è considerato dagli inquirenti un elemento di notevole spessore criminare, organico alle cosche gioiesi. E’ stato arrestato in diverse occasioni. Coinvolto nel 2012 nell’operazione “Doppio canale”, è stato anche arrestato per l’omicidio di Luigi Ioculano, avvenuto nel settembre del 1998. Per entrambe le vicende giudiziarie Pasqualone è stato poi assolto.
Lucio Rodinò