Locride Ambiente: la situazione precipita. Mercoledì la protesta dei lavoratori

Gli operai del cantiere di Palmi sciopereranno per rivendicare il pagamento delle ultime tre mensilità

0
540

Sarà un mercoledì di rimostranza il prossimo 18 Dicembre per i lavoratori del cantiere di Palmi della Locride Ambiente. A partire dalle 8 si ritroveranno davanti al cancello del termovalorizzatore di Gioia Tauro per rivendicare il pagamento delle tre mensilità di settembre, ottobre e novembre.

Nei giorni scorsi è stato fatto un ultimo tentativo da parte dell’azienda, con un vertice tenuto alla presenza del vicecapo di Gabinetto Michela Fabio, il vicesindaco di Palmi, i sindacati ed i responsabili di Locride Ambiente; in quell’occasione l’azienda aveva promesso il versamento di un acconto di 300 euro sulla mensilità di settembre entro il 15 Dicembre, ed il saldo entro Natale.

Promessa, però, non ancora mantenuta.

«Considerato il perdurare di tale situazione di stallo che aggrava il già forte disagio economico e sociale dei dipendenti e delle proprie famiglie che, proprio a ridosso delle festività natalizie, fanno fatica a gestire anche le piccole spese quotidiane necessarie per il sostentamento familiare – si legge nella nota stampa diramata dai dipendenti del cantiere di Palmi dall’azienda – e vista la disponibilità dimostrata dal Comune di Palmi nel sostituirsi all’azienda per il pagamento delle retribuzioni in favore dei dipendenti impiegati presso il cantiere di Palmi, i lavoratori chiedono di voler fornire i cedolini paga relativi alla mensilità di novembre al comune di Palmi, al fine di potersi attivare la procedura di sostituzione dell’ente appaltante».