Toscano invita a Gioia l’ambasciatore Bradanini

Insieme al giornalista Giulietto Chiesa e al filosofo Diego Fusaro sarà uno dei relatori dell'incontro che si svolgerà mercoledì alle 18.30 a Gioia Tauro

Alberto Bradanini
Alberto Bradanini

Riceviamo e pubblichiamo:

Mercoledi 20 Febbraio, a Gioia Tauro, a partire dalle ore 18.30, presso i locali de “La Commanderie”, lungo la SP1 (ex strada statale 111), si svolgerà un importante incontro in compagnia dell’ambasciatore Alberto Bradanini, del giornalista Giulietto Chiesa e del filosofo Diego Fusaro (modera Nunzio Foti).

British il buon caffè della Piana Ape maia il buon caffè della Piana

Si darà vita ad una discussione ad ampio raggio destinata ad incidere sulle diverse dinamiche che riguardano il Mezzogiorno d’Italia e le sue prospettive di rinascita all’interno di un quadro geopolitico in continuo movimento.

L’obiettivo, da tutti condiviso, è quello di delineare dei percorsi di sviluppo astratti che poi le migliori classi dirigenti locali saranno in teoria chiamati a tradurre in risultati concreti.

“Oggi – dichiara Francesco Toscano, avvocato e scrittore, organizzatore dell’evento – mentre assistiamo al crollo del vecchio ordine mondiale senza che quello nuovo sia ancora effettivamente nato, il recupero di una parte così estesa, importante e abbandonata del territorio nazionale è questione non più rinviabile. Se il fine che siamo chiamati singolarmente e collettivamente a perseguire è quindi chiaro, meno definiti sono invece gli strumenti da utilizzare e i tempi di attuazione di una così ambiziosa prospettiva”.

L’incontro servirà perciò anche a fornire risposte in questa direzione. La scelta di organizzare un evento di questo livello proprio a Gioia Tauro non è poi casuale.

La locandino dell’incontro

“Nell’immaginario diffuso, Gioia Tauro – spiega Toscano – è la sublimazione e l’acme di tutti i più gravi problemi che assillano il sud in particolare e l’Italia intera in generale. Città soffocata dalla presenza di una criminalità pervasiva, di fatto accudita felpatamente nel ventre di una borghesia mafiosa camaleontica, ipocrita e tentacolare. Città che conosce livelli di povertà e disoccupazione intollerabili per gli standard del cosiddetto “mondo libero”, nonostante (o forse a causa?) la presenza sul territorio di una infrastruttura strategica come il Porto, che avrebbe dovuto garantire ricchezza e lavoro a beneficio dell’intera comunità e che invece ha tradito e frustrato le tante speranze irresponsabilmente suscitate”.

Ma proprio perché ostaggio di una situazione così complicata e oggettivamente grave, la scelta di provare ad imporre un nuovo “Risorgimento Meridionale” proprio partendo da Gioia Tauro in particolare e dalla Calabria in generale assume un valore simbolico fortissimo. “Se i nostri “buoni semi” attecchiranno adesso, anche dove il territorio è meno fertile, – continua – domani germoglieranno sicuramente dappertutto. Certo, a parte rare e luminose eccezioni, conosciamo il livello “mediocre” (per usare un eufemismo) che contraddistingue le classi dirigenti (non solo politiche) che guidano i processi decisionali dei nostri territori.

Dovremo quindi provare a scovare, far crescere e “armare culturalmente” uomini “nuovi”- che non significa giovani anagraficamente ma nuovi perché portatori di un messaggio nuovo- che accettino di dedicare le proprie energie all’impegno pubblico, vivendo la politica come “alta forma di carità che unisce in senso verticale a Dio e in senso orizzontale ai bisogni degli uomini” (Paolo VI). In un primo momento, visto che le classi dirigenti non crescono sotto un fungo e non s’inventano da un giorno all’altro, sarà forse necessario che le migliori, più generose e lungimiranti personalità che l’Italia oggi esprime si impegnino direttamente, accompagnando anche fisicamente la costruzione e la preparazione di una élite politica e culturale in grado un domani di camminare sicura con le proprie gambe. In ogni caso – conclude Toscano – il “dado è tratto” e indietro non si torna”.