Torna in Mali la salma di Soumaila Sacko

L'uomo è stato ucciso da un colpo di fucile lo scorso 2 Giugno. Ad accompagnarlo, una delegazione del sindacato USB guidata da Aboubakar Soumahoro

Soumayla Sacko

La salma di Soumaila Sacko lascerà a breve la Calabria per giungere in Mail, terra d’origine del giovane sindacalista freddato da un colpo di fucile alla testa lo scorso 2 Giugno.

Raggiungerà la moglie, la figlie e la famiglia d’origine che l’uomo, ospite del campo d’accoglienza di San Ferdinando, ha lasciato.

il buon caffè della Piana il buon caffè della Piana il buon caffè della Piana Ape maia

La salma di Soumaila si trovava nell’obitorio dell’ospedale di Vibo Valentia dal 2 Giugno, e lì è stata eseguita l’autopsia che ha accertato che la morte dell’uomo è avvenuta sul colpo.

Ad accompagnarlo nell’ultimo viaggio, una delegazione del sindacato Usb – Unione Sindacale di Base del quale Soumaila era attivista, guidata da Aboubakar Soumahoro.

Partirà dall’aeroporto di Lamezia Terme e farà tappa a Roma, per poi proseguire il viaggio verso il Mali.