HomeCronacaTaurianova, arrestati dalla Polizia tre pusher

Taurianova, arrestati dalla Polizia tre pusher

Pubblicato il

Nei giorni scorsi, gli agenti del Commissariato di P.S. di Taurianova hanno tratto in arresto due fratelli di nazionalità rumena per spaccio di sostanze stupefacenti.

Il primo è stato colto in flagranza di reato mentre cedeva sostanza stupefacente e trovato in possesso, a seguito di perquisizione personale, di circa 60 grammi di marijuana e di un bilancino di precisione, il secondo, invece, è stato individuato, all’atto della perquisizione locale estesa all’abitazione dell’arrestato in quanto convivente con il primo.

Quest’ultimo è stato trovato in possesso di 22 grammi della medesima sostanza stupefacente.

Il terzo pusher, invece, è stato arrestato dopo essersi costituito ed aver consegnato circa 140 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, suddivisa in tre involucri di cellophane, dichiarando di spacciare stupefacenti da circa tre anni e di volersi costituire alla Polizia.

Il giovane è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti dopo che nelle sua abitazione è stato rinvenuto vario materiale di confezionamento.

 

Ultimi Articoli

Traffico di droga, 25 arresti in tutta Italia. Coinvolti soggetti calabresi

L'operazione è stata eseguita dalla DDA di Bari

Paolo Rumiz a Palmi racconta il suo Canto per Europa

Mercoledì 6 luglio, alle 20:00, lo scrittore e giornalista presenterà il suo ultimo libro

Covid Calabria: +1.628 positivi in un giorno

Il bollettino della Regione

Cala Leone ripulita dai rifiuti grazie a 80 volontari della Piana

Azione di pulizia della caletta, questa mattina, promossa dalle associazioni ambientaliste del territorio

Traffico di droga, 25 arresti in tutta Italia. Coinvolti soggetti calabresi

L'operazione è stata eseguita dalla DDA di Bari

Covid, casi in aumento in Calabria

Sono 2.196 i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore

‘Ndrangheta, risolto un “cold case”: due arresti per lo sterminio di una famiglia calabrese in Piemonte

La vittima era originaria di Sant'Eufemia d'Aspromonte e risiedeva nel paese. Il movente sarebbe da ricercare in una faida risalente agli anni Sessanta