Sorpresi a rubare una macchina operatrice: 5 arresti a Rosarno

Nuova operazione dei Carabinieri della Tenenza di Rosarno e della Sezione Radiomobile della Compagnia di Gioia Tauro, che nell’ambito di un servizio di controllo del territorio disposto dalla compagnia carabinieri di Gioia Tauro, hanno arrestato 5 persone in contrada Olmelli, accusate di tentato furto aggravato in concorso.

I 5 arrestati, di cui 2 rosarnesi, il 26enne Antonio Maduli e il 55enne Carmine Pesce, e 3 pescaresi, Vincenzino Caravaggio, Antonio Di Credico e Mirko Ravicini, si erano introdotti all’interno di una ditta, attualmente sottoposta a sequestro nell’ambito dell’operazione di polizia denominata ’Ndrangheta banking, condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia reggina nel 2014, ed avvalendosi di un autoarticolato della Volvo di proprietà di uno degli arrestati, avevano tentato di sottrarre una macchina operatrice semovente, già oggetto di provvedimento ablativo, parcheggiata all’interno della ditta, dal valore complessivo di circa trenta mila euro.

I ladri, però, sono stati disturbati e colti con le mani nel sacco da una pattuglia che transitava nei pressi di quel sito. Portati in caserma ed appurate le responsabilità a carico dei cinque, questi ultimi sono stati portati nelle camere di sicurezza, in attesa della celebrazione del giudizio per rito direttissimo che si è tenuto nella mattinata di venerdì, all’esito del quale il giudice ha convalidato le misure pre – cautelari e non ha disposto alcuna misura