Sequestrati 500mila euro di beni alla cosca Piromalli

Sigilli a un fabbricato intestato alla moglie di Domenico Pisano, coinvolto nell'operazione "Metauros"

0
383

Gli agenti della Polizia di Stato della Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Reggio Calabria, in esito di un’attività investigativa di natura patrimoniale coordinata dalla locale Procura della Repubblica – Ufficio Misure di Prevenzione, hanno eseguito un provvedimento di sequestro di beni nei confronti di Domenico Pisano, nato a Polistena il 14.07.1969, ed esponente della cosca di ‘ndrangheta dei “Piromalli”, operante nella piana di Gioia Tauro e con rilevanti interessi economici su tutto il territorio nazionale.

In particolare, il Tribunale di Reggio Calabria – Sezione Misure di Prevenzione, a seguito delle risultanze investigative di natura patrimoniale fornite dalla locale Divisione Anticrimine, ha disposto il decreto di sequestro di un fabbricato di due piani, sito in pieno centro a Gioia Tauro, che formalmente risultava intestato alla moglie di Pisano, ed il cui valore ammonta complessivamente a circa euro 500.000 euro.

Pisano, in atto agli arresti domiciliari, era stato sottoposto a provvedimento di fermo dalla Squadra Mobile reggina il 5 ottobre 2017 nell’ambito dell’Operazione “Metauros”, poiché ritenuto responsabile dei delitti di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia di beni, con l’aggravante di cui all’art. 7 della legge n. 203 del 1991.