HomeSanitàSanità: l'abitudine alla lamentela ci chiude gli occhi?

Sanità: l’abitudine alla lamentela ci chiude gli occhi?

Pubblicato il

Calabria e sanità è da sempre uno di quei binomi che non fa di certo pensare a qualcosa di bello ed efficiente ma, al contrario, ci proietta una serie di notizie che quotidianamente ci bombardano su carenza di posti letto, lunghe attese per una visita o un intervento, strutture con personale sottodimensionato, ospedali che chiudono, e poi loro, i casi di malasanità, quelli che ci fanno pensare e dire che viviamo in una terra maledetta e dimenticata da tutti.

Nei giorni scorsi ha fatto il giro del web (e non solo) la notizia che l’ex voce degli Spadau Ballet Tony Hadley poco prima di un concerto a Palmi è caduto procurandosi la lesione di parte del ginocchio, motivo per il quale ha dovuto subire un intervento delicato.

L’intervento si è svolto a Lamezia Terme, è andato bene e Hadley non fa altro, da giorni, che ringraziare i medici che lo hanno operato e tutto il personale che si è preso cura di lui, da quando è caduto – a Palmi – a quando è salito in aereo per rientrare a Londra dopo l’intervento.

E chi ce lo doveva dire? Chi l’avrebbe mai detto che qualcuno (e non uno qualsiasi) avrebbe osannato la sanità calabrese?

Sì, lo sappiamo tutti: si è trattato di un piccolo faro nel buio e di un episodio che non ha modificato i connotati del sistema sanitario regionale.

Vale la pena però fermarsi un attimo a constatare che, a volte, capita di imbattersi anche in situazioni inaspettatamente positive. Oltre alle difficoltà oggettive, vale la pena ricordare che anche nella sanità calabrese esistono punti di forza, che quello che diamo per scontato, scontato non lo è e che guardare la nostra realtà con gli occhi di chi viene da lontano può aprire scenari nuovi e pieni di sorprese.

Non potremmo, almeno per una volta, goderci il momento in cui finalmente si parla della Calabria senza associarla ad eventi tristi e poco edificanti, proprio quegli eventi che tante volte ci hanno fatto dire “eh ma basta parlare della Calabria in senso negativo”?

Saremo forse troppo e da troppo tempo dediti alla lamentela, e non riusciamo a riconoscere quanto di buono invece abbiamo? Quello di cui dovremmo stupirci, forse, è come i casi positivi facciano notizia e non siano la normalità.

Facciamoci caso e facciamo in modo, tutti, che la normalità sia, finalmente, una conquista e non un miraggio.

Ultimi Articoli

Autorità portuale, Pasquale Faraone nominato segretario generale

Il dirigente subentra ad Alessandro Guerri che ha lasciato l'incarico ricoperto dallo scorso gennaio

Il premio “Stefano Viola“ a Davide Possanzini: l’accoglienza di Falcomatà

Il sindaco: «Eroe di una Reggina da serie A, ci ricorda chi siamo stati e chi vogliamo tornare a essere»

Gioia Tauro: Minaccia di morte sui social da parte delle “Brigate Rosse”, identificato l’autore dai Carabinieri

I Carabinieri hanno identificato e deferito l'autore delle minacce di morte pubblicate sui social...

Cultura e fede in don Francesco Laruffa

L’intitolazione della Sala Biblioteca a don Francesco Laruffa nella scuola secondaria di primo grado...

Sanità, Tripodi incalza Occhiuto: “Battaglia che merita di essere combattuta ancora”

Riformulazione del DCA 78, mantenimento del presidio ospedaliero con implementazione delle 70 unità mancanti...

L’ANPI provinciale alla manifestazione Sanità chiama

L’ANPI, Comitato Provinciale di Reggio Calabria, aderisce e partecipa alla manifestazione “Sanità Chiama” organizzata...

Sanità, l’Aggregazione Funzionale Territoriale di Palmi è una realtà

Curia: «Struttura molto importante per avviare una sanità di prossimità e d'iniziativa che va nella direzione di sostenere i cittadini»