HomeSanitàSanità, il Comitato 19 febbraio a Giannetta: «Sull’ospedale sono ancora tanti i...

Sanità, il Comitato 19 febbraio a Giannetta: «Sull’ospedale sono ancora tanti i nodi da sciogliere»

Pubblicato il

Nelle ore in cui il Comitato 19 febbraio apprende che nell’atto aziendale dell’ASP reggina, trasmesso a tutti i Sindaci dei Comuni interessati, non vi è alcuno spazio per Oppido Mamertina, attraverso i canali social risuona l’appello del Consigliere Regionale Oppidese Domenico Giannetta al quale, rivolgiamo il nostro plauso per la sensibilità dimostrata nel “non lasciare i calabresi senza medico di famiglia”, ma al quale chiediamo se ritiene che sia ormai superata e risolta la questione della mancanza di assistenza sanitaria nel territorio pre-aspromontano e aspromontano o se ritiene la questione di secondaria importanza.

Caro Consigliere Domenico Giannetta ci chiediamo e Le chiediamo se “gli onorevoli colleghi Consiglieri” siano a conoscenza di ciò che sta accadendo nel Suo paese ai piedi dell’aspromonte o se ritiene che non sia necessario porre all’attenzione della massima assise regionale la questione oppidese che, se non altro, la riguarda per competenza territoriale.

Nella seconda ipotesi, considerando che diversi Suoi colleghi, appartenenti alla Sua corrente politica, evitano di occuparsi della questione per non invaderLe il territorio, qualora lo dicesse loro si sentirebbero liberi di occuparsene.

Non ritiene necessario approfittare della sensibilità dei Suoi colleghi per raccontare che dal 19 febbraio un gruppo di Suoi compaesani per evitare di lasciare un’intera area geografica disagiata senza alcuna assistenza sanitaria si sono costituiti in un comitato spontaneo e presidiano la struttura in attesa di risposte? Non crede che sia importante non lasciare un’intera area senza assistenza sanitaria?

Facciamo “mea culpa” per non averLe formalizzato una richiesta in tal senso, ma Lei sicuramente è a conoscenza che dopo la Sua visita, unitamente alla commissaria Asp dott.ssa Di Furia, il nodo al fazzoletto non si può ancora sciogliere. La radiologia è ancora chiusa perché l’unico dipendente in servizio, su tre ivi indirizzati con ordini di servizio, è in malattia; Oppido e tutti i paesi dell’entroterra aspromontano sono privi di un presidio di gestione dell’emergenza urgenza; che l’ambulanza medicalizzata è diventata pura utopia; che il mini lab non è stato ancora neanche ordinato.

Consigliere Giannetta mentre Lei discute, come più volte ci ha detto, nelle stanze dei bottoni, noi cerchiamo in perfetta solitudine di rivendicare un diritto costituzionalmente garantito e siamo sempre più soli ad attendere risposte dal Presidente Roberto Occhiuto con il quale Lei ha già interloquito senza renderci partecipi delle decisioni che interessano noi poveri mortali.

Ultimi Articoli

La Corte d’Appello di Catanzaro ha assolto l’avvocato Veneto per non aver commesso il fatto

Il professionista era accusato di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione in atti giudiziari aggravata dalle modalità mafiose

Melicucco, al parco Falcone e Borsellino lo sport è per tutti

Una giornata all’insegna dello sport all’aria aperta quella pensata dall’Amministrazione comunale che, per domani...

Gioia Tauro, denunciati 5 minori per bullismo

La giovane vittima ha raccontato ai poliziotti i gravi episodi di violenza fisica e verbale subiti quotidianamente

Taurianova: aperto il cantiere per la scuola dell’Infanzia con fondi Pnrr. Biasi: «Cultura, istruzione e innovazione pilastri fondamentali»

L’assessore Crea: «Nuovi servizi per le giovani coppie che scelgono la nostra città»

Consegnato un densiometro al Consultorio di Oppido, Giannetta: «Sempre più attenzione alla prevenzione»

Lo strumento sarà essenziale per il monitoraggio del calcio nelle ossa e la prevenzione dell'osteoporosi

Oppido, Curia e Mazzeo: «Da martedì a giovedì medico e ostetrica saranno in servizio al consultorio»

I portavoce del Comitato 19 febbraio e di Comunità competente annunciano che è stata avviata un'interlocuzione con l'Asp affinché vengano assolte le funzioni previste dal progetto "Obiettivo materno-infantile"

Sanità, Mattiani: «Approvazione progetti per Case e Ospedali di Comunità è un grande risultato»

La soddisfazione del Consigliere regionale che poi aggiunge: «Realizzeremo anche l'ospedale della Piana»