Safe road: si sono costituiti Tortora e Nardelli

Polizia

ROSARNO – Si sono costituiti Antonio Tortora e Cosimo Biagio Nardelli. I due, rispettivamente di 23 e 35 anni, erano sfuggiti all’arresto qualche giorno fa nell’ambito dell’operazione safe roads, effettuata dagli agenti del commissariato di Gioia Tauro, sotto la direzione del vicequestore Angelo Morabito.

Tutti gli arrestati sono accusati di far parte di una banda che avrebbe rapinato conducenti di tir, farmacie, uffici postali, distributori di carburante e cacciatori.
I colpi messi a segno

Tra le rapine messe a segno ci sono quattro uffici postali (Feroleto della Chiesa, Rizziconi, Laureana di Borrello e Polistena), una tabaccheria, un negozio di cellulari. La maggior parte delle azioni criminali si sono però concentrate sui Tir. Da qui il nome dell’operazione “Safe roads” (strade sicure).

Safe Roads: la dinamica delle rapine

I camionisti derubati venivano bloccati dai rapinatori mentre percorrevano l’autostrada o alcune strade interne della Piana e costretti a raggiungere luoghi isolati dove i tir venivano scaricati mentre gli autisti erano costretti a stare fermi sotto la minaccia delle armi.

L’operazione è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Palmi.