HomeCronacaRosarno: I Carabinieri hanno catturato Francesco Pesce

Rosarno: I Carabinieri hanno catturato Francesco Pesce

Pubblicato il

Francesco Pesce

ROSARNO (10 agosto 2011) – I carabinieri hanno arrestato Francesco Pesce, uno dei latitanti più pericolosi d’Italia. Il 33enne era ricercato da più di un anno.

I Carabinieri del Comando Provinciale,del Ros di Reggio Calabria e dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Vibo Valentia, ieri sera, hanno fatto irruzione all’interno di un capannone a Rosarno e hanno scovato Francesco Pesce, sfuggito alla cattura nell’operazione All inside del 28 aprile 2010.

Francesco Pesce, reggente della potente cosca, è stato sorpreso in un bunker interrato, collocato all’interno del cortile dell’azienda “Demol Sud” di Rosarno.

Il bunker era delle dimensioni di circa 40 mq composto da tre locali (cucina, bagno e camera da letto), al quale si accedeva mediante botola azionabile da meccanismo elettro – pneumatico attivato da telecomando. Il nascondiglio era fornito di impianto di video sorveglianza, aria condizionata, collegamento a internet e televisione con parabola.

Nell’operazione è stato arrestato anche Antonio Pronestì, di 44 anni, con l’accusa di favoreggiamento personale con l’aggravante mafiosa. L’uomo è il titolare della ditta “Demol sud” sas in cui è stato realizzato il bunker.

Lucio Rodinò

Ultimi Articoli

Volley, l’OmiFer attende la Capitale nella bolgia del PalaSurace

Domani la squadra di mister Radici sfiderà in casa la SMI Roma

Al Teatro Gentile di Cittanova in scena Tosca d’Aquino e Giampiero Ingrassia

Il 9 febbraio appuntamento con "Amori e sapori nelle cucine del Gattopardo"

Reggio, domani la presentazione di “Guida all’Aspromonte misterioso”

Edito da Rubettino, è stato scritto da Giuseppe Battaglia e Alfonso Picone Chiodo

Commerciante derubata nel parcheggio di un centro commerciale di Taurianova: arrestato uno dei 2 responsabili

Alla vittima erano stati sottratti 500 euro in contanti, documenti ed effetti personali

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto