HomeLavoroRiparte il collegamento ferroviario del Porto di Gioia

Riparte il collegamento ferroviario del Porto di Gioia

Pubblicato il

Riceviamo e pubblichiamo:
Da oggi il collegamento ferroviario nel porto di Gioia Tauro torna ad essere una realtà. Il primo scalo italiano di transhipment rimette in moto l’intermodalità e riposiziona parte dei container dalle navi, in import ed export, sulle rotaie.

Autorità portuale di Gioia Tauro
la sede dell’Autorità portuale
L’operazione è stata avviata dalla compagnia ferroviaria pugliese GTS Rail, in collaborazione con Maersk Italia, che così torna ad attraccare nelle banchine dello scalo calabrese in seguito all’accordo internazionale denominato 2M, sottoscritto dalla Maersk e da Msc per gestire in comune quote di mercato internazionale.

Al momento, il servizio riattiverà il collegamento ferroviario per container tra il porto calabrese e la città di Bari, attraverso un trasporto di carico merci a cadenza settimanale.

Successivamente, sarà ripristinato il collegamento trisettimanale, garantendo in questo modo la copertura dell’intero Mezzogiorno d’Italia.

Soddisfazione è stata manifestata dal Commissario Straordinario dell’Autorità portuale di Gioia Tauro, Giovanni Grimaldi, che ha parlato di “momento importante per lo scalo grazie al ritorno della Maersk che ha così permesso di riattivare il collegamento ferroviario dal porto di Gioia Tauro alla città di Bari. Da oltre due anni i treni non partivano più dal nostro scalo, – ha continuato Grimaldi – siamo di fronte, senz’altro, ad un fatto molto positivo per il futuro dei collegamenti via terra con il resto d’Italia, un risultato che è stato raggiunto anche grazie all’intervento del presidente della Regione Calabria, on. Mario Oliverio, che sin dall’inizio del suo mandato ha manifestato grande interesse per lo sviluppo dello scalo. Naturalmente, questo è solo il primo passo, perché l’obiettivo ultimo è quello di realizzare il gateway ferroviario attraverso una joint venture con le Ferrovie dello Stato e gli investitori privati”.

Stessa soddisfazione è stata espressa da Alessio Muciaccia, Ceo della GTS Rail, che ha definito: “La riattivazione del collegamento ferroviario tra Bari e Gioia Tauro il segno tangibile che l’economia del Mezzogiorno d’Italia stia dando segni di ripresa e vitalità. Il fatto che la Maersk Line, prima compagnia di navigazione al mondo, abbia deciso di riaprire i collegamenti da Gioia Tauro e di riaffacciarsi al mercato del sud Italia ne è l’inconfutabile dimostrazione. Il porto di Gioia Tauro può giocare un ruolo fondamentale nel rilancio del manifatturiero e delle esportazioni soprattutto in questa fase storica di dollaro forte. Siamo onorati che la Maersk abbiamo scelto GTS RAIL per realizzare questo collegamento strategico. La nostra azienda sta vivendo un felice momento di crescita e questo servizio trisettimanale verrà realizzato con le due nuove locomotive in consegna da Bombardier nel prossimo mese. Il gruppo GTS completerà poi la catena logistica l’attività di terminal, posizionamenti locali e tutte le attività propedeutiche.Dobbiamo ringraziare la struttura commerciale di RFI e l’Autorità Portuale di Gioia Tauro che a tempo di record si sono adoperati per consentire nuovamente l’ingresso dei treni nel porto. Infatti ormai da qualche anno nessun treno era stato più attestato all’interno del porto”.

Dal canto suo Orazio Stella, Amministratore Delegato, Maersk Italia, ha spiegato le motivazioni che hanno portato a questo risultato: “Il ritorno dei nostri servizi a Gioia Tauro nell’ambito della ristrutturazione del network di Maersk Line è per noi l’occasione per rendere più forte la nostra presenza in Sud Italia, attraverso una copertura più capillare di territori importanti e, in primo luogo, della Puglia. L’occasione del nostro ritorno nell’hub calabrese è stata l’opportunità per noi di ripensare all’approccio del mercato del Sud Italia: abbiamo perciò voluto immaginare Gioia Tauro come un porto di finale destinazione delle merci, il cui hinterland possa essere rappresentato da importanti aree economiche del Meridione, da raggiungere attraverso collegamenti ferroviari e camionistici.La riattivazione del servizio ferroviario in esclusiva per Maersk Line da parte di GTS si pone in questo contesto come uno dei pilastri di questa strategia di rafforzamento della nostra proposta alla clientela. Ci permette, infatti, di offrire ai clienti un collegamento diretto con un network globale attraverso una modalità di trasporto efficiente ed economica su distanze quali quelle che separano Bari e Gioia Tauro”.

Ultimi Articoli

Autorità portuale, Pasquale Faraone nominato segretario generale

Il dirigente subentra ad Alessandro Guerri che ha lasciato l'incarico ricoperto dallo scorso gennaio

Il premio “Stefano Viola“ a Davide Possanzini: l’accoglienza di Falcomatà

Il sindaco: «Eroe di una Reggina da serie A, ci ricorda chi siamo stati e chi vogliamo tornare a essere»

Gioia Tauro: Minaccia di morte sui social da parte delle “Brigate Rosse”, identificato l’autore dai Carabinieri

I Carabinieri hanno identificato e deferito l'autore delle minacce di morte pubblicate sui social...

Cultura e fede in don Francesco Laruffa

L’intitolazione della Sala Biblioteca a don Francesco Laruffa nella scuola secondaria di primo grado...

Sciopero lavoratori Decathlon a Gioia Tauro, la Cgil: «Lanciato un segnale forte»

I segretari Valentino e Romano fanno sapere che continueranno a sostenere i dipendenti nell'affermazione dei diritti fino a quando le aziende non cambieranno atteggiamento

Lavoratori Decathlon in sciopero questa mattina: «Vogliamo condizioni migliori»

Il sit in di protesta si svolgerà davanti al punto vendita di Gioia Tauro dalle 10e30 alle 11e30

Agostinelli a Roma promuove il porto di Gioia Tauro: «È l’alfiere della portualità italiana»

l presidente dell’Autorità di sistema portuale dei mari Tirreno meridionale e Ionio ha partecipato al convegno intitolato “Mediterraneo e nuove sfide – Storia, cultura e sviluppo”