HomeAltre NotizieQuella Calabria che il resto d'Italia ancora non conosce

Quella Calabria che il resto d’Italia ancora non conosce

Pubblicato il

“È necessario che una parte d’Italia spieghi se stessa al resto della Nazione? E se la risposta è affermativa, quali ne sono le ragioni?”. A domandarlo è Mimmo Nunnari, giornalista e scrittore calabrese che nei giorni scorsi ha presentato a Palmi il suo ultimo libro da titolo “La Calabria spiegata agli italiani”.

L’incontro è stato promosso da Rotary, Lions, Fidapa, Soroptimist, Inner Wheel, Kiwanis, Rotaract, Leo, Convegni di Cultura “Maria Cristina di Savoia”, Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, tutte associazione e club service operanti nella Piana di Gioia Tauro, e si è svolto nell’Auditorium della Scuola Superiore di Psicologia Applicata “G. Sergi”, uno degli enti organizzatori.

“L’aggregazione fra le associazioni finalizzata al battesimo del libro – ha sottolineato Nunnari – è una circostanza unica, ma significativa, indicativa del bisogno di coesione fra i cittadini, che da calabresi attendono risposte ai propri bisogni e alle proprie necessità da parte del Governo di Roma”.

L’incontro è stato moderato da Sofia Ciappina, psicologa, la quale ha dispensato una prolusione del testo, per poi passare il microfono a due interlocutori illustri quali Santino Salerno e l’avvocato Armando Veneto, che in qualità di lettori qualificati, hanno presentato all’interessato pubblico il saggio, sfogliandone le pagine più significative e chiosando con la loro personale interpretazione.

E se il commento di Salerno ha avuto cadenze più di tipo antologico-letterario, con una retrospettiva, a tratti anche malinconica, ai grandi autori calabresi, spesso non gratificati dal successo e dai riconoscimenti che avrebbero certamente meritato, con l’intervento dell’avvocato Veneto il racconto è diventato storia, impegno civile e manifesto, con una proiezione verso il futuro, in cui il talento e le speranze dei calabresi troveranno certamente il meritato riconoscimento.

Le conclusioni sono state affidate all’autore, che ha riconosciuto all’incontro di presentazione di Palmi il merito di avere consegnato a tutti gli intervenuti il messaggio di una nuova forma di Meridionalismo, in cui la coesione e la forza di tutte le componenti sane e virtuose della società calabrese debbono certamente rialzare la testa per puntare alla costruzione del proprio, glorioso futuro.

Ultimi Articoli

Palmi, rissa con accoltellamento nella notte di San Lorenzo

Ferito alla schiena un giovane; l'episodio si è verificato alla Tonnara intorno alle 2 di notte

«Sulla discarica di Melicuccà si ricorra subito al Tar»

Palmi, nota stampa dei consiglieri di Forza Italia Sorbilli e Palmisano, per chiedere al sindaco di impugnare l'ordinanza della Città metropolitana

A Palmi un concerto in ricordo del maestro Carmelo Cannizzaro

Domani 12 agosto, in piazza I Maggio, lo spettacolo musicale del gruppo "Due Lyre e mezzo di Taranta"

A Palmi Ricky Tognazzi e Ornella Muti per la II edizione del Festival dei Tramonti

La Villa comunale di Palmi torna a essere il suggestivo scenario del Festival dei...

Palmi, premiati i vincitori dello “Stretto Film Festival”

Vincono “Lo chiamavano Cargo” di Marco Signoretti, “Sad-the movie” di Giulherme Gehr, “U figghiu” di Saverio Tavano e “Eggshell” di Ryan William Harris

Palmi, il ricordo di Andrea Camilleri allo Stretto Film Festival. Mazzotta: «Grande intellettuale e persona dalle doti umani straordinarie»

Durante la seconda serata della kermesse dedicata ai corti era presente anche il regista irlandese Ryan William Harris, in concorso con «Eggshell»