HomeCronaca"Propaggine": rimesso in libertà Carmelo Alvaro detto Bin Laden

“Propaggine”: rimesso in libertà Carmelo Alvaro detto Bin Laden

Pubblicato il

Il Tribunale della Libertà di Reggio Calabria, con ordinanza del 28 giugno 2022, ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP di Reggio Calabria nel procedimento denominato “Propaggine” sulla cosca di Cosoleto nei confronti di Carmelo Alvaro classe 60 (detto Bin Laden), che è stato subito rimesso in libertà. 

Già assolto dal Tribunale di Palmi con sentenza irrevocabile resa il 14 luglio 2021 nel processo “Iris”, il signor Alvaro era stato nuovamente catturato, ma la difesa – costituita sempre dagli avocati Sissi Barone del Foro di Palmi e Luca Cianferoni del Foro di Roma – ha depositato al Riesame un poderoso allegato documentale dal quale è risultata in maniera incontestabile la duplicità di giudizio (bis in idem) con contestuale riconoscimento di non credibilità delle dichiarazioni accusatorie del collaboratore Simone Canale. 

Piena soddisfazione è stata espressa dai legali, con fiducia nella giurisdizione, evidentemente in grado di rimediare ad errori come quello che in questo caso era stato compiuto.

Ultimi Articoli

Alla Sala Consiliare del Comune di Palmi la presentazione dell’ultimo libro del prof. Attilio Scarcella

Mostra d’arte e musica per celebrare la figura femminile

Palmi, la Metrocity investe sul Monte Sant’Elia: finanziato progetto di quasi 100mila euro

Versace e Ranuccio: «Riqualificazione ambientale e valorizzazione in chiave turistica»

Cittanova, un ricco cartellone di eventi per le festività natalizie

Numerosi gli eventi programmati dal comitato spontaneo "Cittanova in festa"

Porti, tasse d’ancoraggio ridotte a sostegno dei traffici portuali

L'obiettivo è di mantenere il primato nazionale di Gioia Tauro nel settore del transhipment. 

Eseguito un mandato di arresto europeo in Grecia per un 32enne ricercato nel Reggino

L'uomo è accusato anche di tentato omicidio nei confronti di un 59enne di Melito Porto Salvo

Uccisero in carcere un educatore, adesso uno degli imputati vuole patteggiare

Si tratta di Vittorio Foschini, coinvolto nell'inchiesta di 'ndrangheta "Wall Street"