HomeLavoroPorto: Dopo l'accordo i sindacati incalzano Mct, Governo e Regione

Porto: Dopo l’accordo i sindacati incalzano Mct, Governo e Regione

Pubblicato il

GIOIA TAURO (1 luglio 2011) – La firma dell’accordo con Mct sulla cassa integrazione rappresenta soltanto la prima tappa della trattativa per il rilancio del Porto di Gioia Tauro. Questo il messaggio lanciato da Cgil, Cisl, Uil e Ugl, nel corso della conferenza stampa, che si è tenuta questa mattina all’Autorità portuale, a due giorni di distanza dal referendum tra i lavoratori che ha sancito la vittoria del Si all’accordo sui metodi di gestione della cassa integrazione.

I sindacalisti hanno ribadito più volte che l’accordo (leggi il documento integrale) riguarda esclusivamente l’organizzazione della cassa integrazione e non va a ledere nessun diritto o a modificare il contratto e gli orari di lavoro. «Abbiamo scongiurato – ha detto Nino Calogero della Cgil – che passasse una organizzazione del lavoro sul modello africano, la partita è appena iniziata anche perchè la prima parte della trattativa era relativa esclusivamente alla cassa integrazione».

Dal sindacato è partita la richiesta di dare seguito a tutte le proposte relative al rilancio della zona portuale, emerse nel corso dei due tavoli romani del mese scorso, e l’invito a realizzare tutti i progetti contenuti nell’accordo di programma quadro. «I lavoratori hanno dimostrato di essere responsabili e di essere pronti a fare sacrifici. – ha detto Giuseppe Rizzo della Uil – Ora Regione e Governo devono mantenere gli impegni assunti e far nascere il retroporto che sogniamo da tanto tempo».

L’unico sindacato a non aver firmato l’intesa con Mct è stato il Sul. «Abbiamo scongiurato la mobilità – ha detto Annibale Fiorenza della Cisl – e grazie alla cassa integrazione a rotazione tutta la forza lavoro è rimasta nel ciclo produttivo. Abbiamo fatto un percorso comune tra tutte le forze sindacali. Noi siamo andati fino in fondo, il Sul – ha concluso – ha legittimamente deciso di dire no. La porta resta comunque aperta». Fiorenza ha inoltre sottolineato l’importanza di corsi di formazione per i cassa integrati «che oltre a essere molto utili per aggiornare i lavoratori, saranno anche un piccolo sostegno economico in un momento di difficoltà».

In più occasioni è stata chiamata in causa anche Mct, che secondo Antonio Franco dell’Ugl «deve chiarire cosa vuole fare del Porto di Gioia, se non è in grado di utilizzare al meglio tutta la banchina è giusto che dia spazio ad altri». Franco ha poi aggiunto che è necessario fare le battaglie contro l’assenteismo ed eliminare le distorsioni attuali. «Non è possibile che ci sia il boom di congedi parentali ad agosto – ha detto – e che durante le elezioni politiche il 10% dei dipendenti per non andare a lavoro risulti rappresentante di lista. Queste cose dimostrano che non c’è solidarietà tra i lavoratori».

Ultimo tema al centro dell’incontro è stato quello della sicurezza e delle infiltrazioni mafiose all’interno del porto. Per Nino Calogero «La ndrangheta va combattuta e sconfitta ma non può diventare un alibi per bloccare lo sviluppo».  Sulla stessa lunghezza d’onda i rappresentanti di altre sigle. Rizzo e Franco, hanno definito infine il porto «all’avanguardia per ciò che concerne i controlli» e hanno concluso dicendo che «la sicurezza dello scalo gioiese è maggiore rispetto ai porti concorrenti».

Alla conferenza stampa hanno partecipato anche nino Sigilli della Cisl e Francesco Cozzupoli dell’Ugl.

Lucio Rodinò

Ultimi Articoli

L’OmiFer Palmi regola anche Roma al PalaSurace che si candida a fortino inespugnabile

La partita si è conclusa 24-21 per la squadra di coach Radici

Rende, Ikea annuncia l’apertura del primo “Plan&Order Point”

Il punto vendita aprirà nei prossimi mesi nel Centro Commerciale Metropolis

La Palmese gioca a tennis contro l’Africo: clamoroso 6-0 al “Lopresti”

Una vittoria schiacciante per la Palmese di mister Crucitti

Nascondeva droga nel cambio dell’auto: un arresto nel Vibonese

Rinvenute anche armi e munizioni nell'abitazione dell'indagato

Orsa: «Il sistema di premiazione penalizza i lavoratori portuali»

Le disposizioni contestate sono contenute in una bozza di accordo per la contrattazione di secondo livello

Spi Cgil Calabria, Claudia Carlino ancora alla guida

Con una valanga di voti a favore, ben 63 ed 1 contrario, la segretaria...

Nasce “Aliva”, azienda di complementi d’arredo con legno di potatura di ulivi

L'idea è di quattro ragazzi calabresi: Antonio Centorrino, Vincenzo Fratea, Gabriel Gabriele e Marco Macrì