Polistena: il Lions Club vicino ai più deboli con il barattolo dell’emergenza

Iniziativa svolta in collaborazione con "Libera"

0
103

L’11 febbraio è stata la Giornata Mondiale del Malato.

Anche in tale ricorrenza il Lions Club “Polistena Brutium”, presieduto dal dottor Giuseppe Zampogna, è intervenito a protezione delle fasce più deboli con un progetto intitolato: “Il Barattolo dell’Emergenza Lions”.

Si tratta di un service Lions di rilevanza nazionale che il Club di Polistena – nello specifico il comitato di soci guidato  dall’avvocato Monica Minì, presidente di Zona 26 del Distretto 108 YA, per l’anno in corso, e composto da Don Pino Demasi , delegato del Governatore per i  “Rapporti con Libera”,  dal dirigente scolastico  Emma Sterrantino, dall’avvocato Ettrore Tigani, componente del comitato scientifico della Fondazione  del Distretto Lions 108 YA e dalla professoressa Maria Grazia Zerbi – ha voluto dedicare alla persone sofferenti.

Il Barattolo dell’Emergenza Lions è un aiuto per chi vive da solo, soprattutto se anziano, poiché in caso di necessità potrebbe non essere in grado di rispondere alle domande dei soccorritori. 

Infatti, è stato ideato per contenere una scheda con i dati sanitari della persona da assistere e le informazioni più utili per il personale medico. Inoltre, la scheda con i dati sarà facilmente reperibile, perché il barattolo che la contiene, non solo ha i colori accesi dei Lions, giallo e blu, ma verrà posizionato nel frigorifero (elettrodomestico presente in quasi tutte le abitazioni) .

Per reperire più agevolmente il barattolo, sulla porta d’ingresso della casa e all’esterno del frigorifero verranno incollati due adesivi speciali che ricorderanno ai soccorritori dove trovare le informazioni utili sulla salute della persona da assistere.

Il progetto continuerà a svilupparsi nei prossimi mesi, nel rispetto della normativa anti-Covid.

Ancora una volta, il Lions Club “Polistena Brutium”, sempre attento alle esigenze del territorio, dimostra grande sensibilità, mettendo in risalto la centralità della persona in un’etica di responsabilità e solidarietà, valori, questi ultimi,  alla base della Costituzione, ma soprattutto della vita.