Pisano denuncia “l’ostruzionismo reiterato” dell’Amministrazione Tripodi

Le minoranze non ricevono le carte per la discussione in Consiglio. Sollecitato nuovamente l'intervento della Prefettura

0
239

Levata di scudi da parte della minoranza consiliare di Polistena Futura che per mezzo del suo capogruppo, Francesco Piano, è tornata a denunciare il mancato rispetto delle regole istituzionali relative al funzionamento dei lavori consiliari. “Per l’ennesima volta prendiamo atto del comportamento dell’Amministrazione comunale di Polistena guidata dal dott. Michele Tripodi che, in modo reiterato e consapevole, calpesta le regole democratiche a tutela dell’opposizione presente in Consiglio comunale. Giorno 26 maggio si riunirà il Consiglio per discutere sul rendiconto di gestione 2022 la cui documentazione doveva essere inviata già da una settimana ai capigruppo come previsto dalla legge. Documentazione che, però, non è mai pervenuta. L’Amministrazione comunale di Polistena non è nuova a questi comportamenti e spesso abbiamo dovuto comunicare alla Prefettura queste violazioni” è quanto recriminato da Pisano che ha anche voluto ricordare la irregolare convocazione di un Consiglio comunale aperto (quello relativo alla discussione sull’ospedale e, più in generale, sulla sanità pianigiana dell’agosto 2022, ndr). Pisano, nel constatare il “totale immobilismo delle istituzioni davanti a manifeste violazioni di legge” si è rammaricato per l’impossibilità di “adempiere al ruolo demandato dagli elettori nel migliore dei modi proprio per l’ostruzionismo dell’Amministrazione comunale di Polistena”. Nel sollecitare l’intervento prefettizio, il capogruppo di minoranza di PF, ha infine, sottolineato che “sono quasi due anni che ci scontriamo con questo modus operandi, sono quasi due anni che l’Amministrazione Tripodi tenta in tutti i modi di impedire un sereno dibattito politico – istituzionale cercando ripetutamente di ostacolare la nostra azione politica”.