Paolo Rossi venerdì in scena a Cittanova

La nota dell'associazione Kalomena

Paolo Rossi
Paolo Rossi

Riceviamo e pubblichiamo:

Continua a collezionare successi la XV Stagione teatrale di Cittanova, organizzata dall’Associazione Kalomena, col patrocinio dell’Amministrazione comunale, della Presidenza del Consiglio Regionale e della Città Metropolitana di Reggio Calabria.

British il buon caffè della Piana Ape maia il buon caffè della Piana

Venerdì 23 febbraio 2018 alle ore 21 al Teatro Gentile sarà di scena, con l’unica tappa calabrese, Paolo Rossi con lo spettacolo “L’Improvvisatore 2, ovvero L’Intervista”.

I biglietti possono essere acquistati telefonando ai numeri 3477191399–3206184249. www.associazionekalomena.it

L’Improvvisatore 2 Paolo Rossi presenta “L’INTERVISTA a un anarchico gentile….” sottolineando come “per anarchico gentile non si intende qui un terrorista che prima chiede permesso e poi piazza l’esplosivo. Ma semplicemente un eversivo educato, per bene e assai generoso… cioè io.

I miei spettacoli sono come dei sequel. Nella mia autobiografia non autorizzata verranno ordinati per stagioni e classificati come serie teatrali. E in questa definizione avrà il suo significativo e comodo spazio L’Improvvisatore.
Si vorrà ora negare che ogni artista – o presunto tale – altro non faccia che riscrivere il suo stesso primo racconto? O riallestire la stessa messa in scena? O ancora ricomporre l’unica canzone composta? Meglio, ripresentare la stessa opera sotto mentite spoglie, come riverniciare la stessa stanza?

E chi sono io allora per distinguermi da questo branco di furboni perdigiorno (gli “artisti”, intendo dire)? Io, che fra l’altro ho solo un diploma da perito chimico? L’unica distanza che posso permettermi da questi fannulloni bugiardi e scansafatiche (gli “artisti”, intendo dire) è di confessarlo prima, e non alla cena del consueto dopo Teatro, ma subito e in anticipo. Fin dalla scheda. Questa scheda.
ùL’intervista è umilmente il seguito de L’Improvvisatore, quindi. Pur non nego che in qualche serata, preso dall’umore del pubblico, improvvisamente comparirà dal mio cilindro di cristallo (sono improvvisatore, veggente e prestigiatore) qualche momento del primo spettacolo, e qualche lampo nato sul palco ogni sera diverso ricorderà qualcosa del precedente lavoro. Ma chi potrà gridare “al ladro!”?