HomePoliticaPalmi, Sorbilli e Palmisano (FI): «Avviare l’iter di cessione degli immobili»

Palmi, Sorbilli e Palmisano (FI): «Avviare l’iter di cessione degli immobili»

Pubblicato il

Abbiamo presentato un’interpellanza avente ad oggetto gli alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà del Comune di Palmi, perché riteniamo inaccettabile la condotta dell’Ente su una questione così delicata che involve quello che noi riteniamo un diritto sacro dei cittadini, il diritto alla casa. 

Difatti, sono centinaia le famiglie palmesi, legittime assegnatarie degli immobili, che attendono che il Comune di Palmi dia piena attuazione ed esecuzione alle disposizioni di cui al verbale unilaterale di ricognizione e consegna del 02.05.2007 prot. n. 2007/7276 e alla disciplina legislativa in materia e consenta ai cittadini aventi diritto di essere messi nelle condizioni di poter esercitare l’opzione dell’acquisto immobiliare.

Sono già trascorsi ben 15 anni dal momento in cui il Comune di Palmi è divenuto proprietario di centinaia di immobili che attendono, ancora, di essere ceduti agli assegnatari ed ai loro eredi, secondo le modalità di cui alla legge n. 560/1993.

Com’è noto con il verbale di ricognizione e consegna sopra richiamato, il Direttore della Filiale Calabria dell’Agenzia del Demanio provvedeva a consegnare a titolo gratuito, formalmente e materialmente, al Comune di Palmi decine di alloggi e loro pertinenze di edilizia residenziale pubblica, in forza dell’art. 1, comma 441, legge n. 311/2004.

La predetta normativa sanciva il trasferimento “ope legis” del diritto di proprietà dei suddetti immobili, senza necessità di richiesta da parte del Comune di Palmi, con onere di quest’ultimo di provvedere alla trascrizione e alla voltura del verbale di consegna gratuita.

La ratio della riferita disposizione legislativa era quella di favorire, poi, la cessione degli immobili agli assegnatari ed ai loro eredi, secondo le modalità di cui alla legge n. 560/1993.

Il compimento di siffatta operazione di alienazione, inoltre, avrebbe certamente generato (e può ancora generare) anche un beneficio per l’Ente Comunale con conseguenti ulteriori ricadute positive sulla collettività, in quanto i proventi scaturenti dalla vendita degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e altri accessori previsti dalla legge, sarebbero rimasti nella disponibilità del Comune di Palmi.

Tali introiti sarebbero stati contabilizzati a cura dell’Istituto autonomo per le case popolari competente per territorio, comunque denominato e versati in un apposito conto corrente denominato «Fondi CER destinati alle finalità della legge n. 560 del 1993, istituito presso la sezione di tesoreria provinciale, da destinare al reinvestimento in edifici ed aree edificabili, per la riqualificazione e l’incremento del patrimonio abitativo pubblico mediante nuove costruzioni, recupero e manutenzione straordinaria di quelle esistenti e programmi integrati, nonché ad opere di urbanizzazione socialmente rilevanti.

Incredibilmente, dopo il lungo lasso di tempo trascorso, pare che il Comune di Palmi non abbia nemmeno dato esecuzione agli obblighi preliminari su di esso gravanti, compresi quelli di trascrizione e voltura.

È il momento di attivarsi senza ulteriore indugio.

Continueremo a portare avanti una politica di vicinanza ai bisogni reali dei cittadini e diretta a fornire risposte a problematiche che attendono da anni una risoluzione.                  

I Consiglieri Comunali di “Forza Italia”

Ilaria Sorbilli e Giancarlo Palmisano

Ultimi Articoli

Palmi, la Metrocity investe sul Monte Sant’Elia: finanziato progetto di quasi 100mila euro

Versace e Ranuccio: «Riqualificazione ambientale e valorizzazione in chiave turistica»

Cittanova, un ricco cartellone di eventi per le festività natalizie

Numerosi gli eventi programmati dal comitato spontaneo "Cittanova in festa"

Rigassificatore a Gioia Tauro, Occhiuto: «Meloni prenda in mano questo dossier»

Le dichiarazioni del governatore Occhiuto in un'intervista a "La Stampa"

Palmi, la Metrocity investe sul Monte Sant’Elia: finanziato progetto di quasi 100mila euro

Versace e Ranuccio: «Riqualificazione ambientale e valorizzazione in chiave turistica»

Rigassificatore a Gioia Tauro, Occhiuto: «Meloni prenda in mano questo dossier»

Le dichiarazioni del governatore Occhiuto in un'intervista a "La Stampa"

Dal Consiglio metropolitano un nuovo piano marketing e monitoraggio sulle emissioni del termovalorizzatore di Gioia Tauro

In Consiglio metropolitano ok anche alle variazioni di bilancio per l'adeguamento dei prezzi per l'edilizia scolastica