HomeCronacaPalmi, arrestato un ispettore di polizia

Palmi, arrestato un ispettore di polizia

Pubblicato il

Vincenzo Leuzzi

PALMI – Quando gli agenti del commissariato di polizia di Palmi hanno bussato alla sua porta, non pensava assolutamente che erano lì per notificargli gli arresti domiciliari. Perché la persona in questione è anch’essa un uomo dello Stato, un ispettore di polizia in servizio a Palmi.

 

Vincenzo Leuzzi è finito in manette mercoledì sera, con l’accusa di peculato: avrebbe cercato di procurare un lavoro al figlio e ad un amico di questi, sfruttando la sua posizione all’interno della polizia.

La notizia è apparsa questa mattina nelle pagine del quotidiano di informazione locale “Calabria Ora”.

A condurre l’indagine che ha portato all’arresto di Vincenzo Leuzzi sono stati i suoi stessi colleghi del commissariato di Palmi, coordinati dalla Procura della Repubblica.

Poche le informazioni che si hanno sull’arresto dell’ispettore Leuzzi, perché quando a commettere un reato – che è tutto da accertare – è un uomo delle istituzioni, c’è sempre il massimo riserbo. Ma le stesse istituzioni hanno saputo dare una risposta pronta, conducendo l’indagine che ha portato l’uomo ai domiciliari.

Vincenzo Leuzzi è presidente dell’Ari-Palmi, l’associazione dei radioamatori, e dal luglio dello scorso anno è entrato a fare parte del piano di protezione civile del comune di Palmi, quale volontario in caso di evento catastrofico, addetto al sistema di telecomunicazione ed alla gestione del ponte radio.

Ultimi Articoli

Volley, l’OmiFer attende la Capitale nella bolgia del PalaSurace

Domani la squadra di mister Radici sfiderà in casa la SMI Roma

Al Teatro Gentile di Cittanova in scena Tosca d’Aquino e Giampiero Ingrassia

Il 9 febbraio appuntamento con "Amori e sapori nelle cucine del Gattopardo"

Reggio, domani la presentazione di “Guida all’Aspromonte misterioso”

Edito da Rubettino, è stato scritto da Giuseppe Battaglia e Alfonso Picone Chiodo

Commerciante derubata nel parcheggio di un centro commerciale di Taurianova: arrestato uno dei 2 responsabili

Alla vittima erano stati sottratti 500 euro in contanti, documenti ed effetti personali

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto