Omicidio Bruzzese: «La vittima voleva uscire dal programma di protezione»

A rivelarlo è il Ministro dell'Interno Matteo Salvini nel corso di un vertice in Prefettura a Pesaro questa mattina

Il luogo dell'agguato (foto Il Resto del Carlino)

Marcello Bruzzese chiedeva da due anni e mezzo di uscire dal programma di protezione nel quale era inserito.

A rivelarlo è il Ministro dell’Interno Matteo Salvini nel corso del vertice in Prefettura a Pesaro, dove ha incontrato le istituzioni locali e le forze dell’ordine a seguito del delitto avvenuto il pomeriggio del 25 Dicembre in centro a Pesaro.

il buon caffè della Piana il buon caffè della Piana il buon caffè della Piana Ape maia

«Vedremo cosa non ha funzionato nel sistema di protezione, anche se il lavoro delle forze dell’ordine è eccellente – aggiunge il Ministro – Per fortuna i dati ci dicono che le Marche e i marchigiani sono più’ forti di qualunque infiltrazione criminale, e i dati lo confermano».

Intanto la Procura di Pesaro sta lavorando incessantemente da due giorni per ricostruire il contesto in cui è maturato l’omicidio di Marcello Bruzzese; sono costanti i rapporti con la Procura antimafia di Reggio Calabria perché, sostengono i magistrati, è plausibile l’ipotesi che ad uccidere Bruzzese siano state due persone giunte a Pesaro proprio dalla Calabria.

Una pista, questa, che confermerebbe l’ipotesi iniziale di un coinvolgimento degli uomini della ‘ndrangheta nel fatto di sangue.

«La ‘ndrangheta non è problema calabrese ma europeo, visto che ci sono infiltrazioni in diversi Paesi europei – ha detto Salvini – E con altre polizie europee stiamo tentando di confiscare beni per mezza Europa. Alla ‘ndrangheta e agli ‘ndranghetisti ci stiamo dedicando con assoluta, totale e completa attenzione».

La domanda che gli inquirenti si pongono è chi abbia rivelato a chi dove Marcello Bruzzese risiedeva.

La procura distrettuale antimafia di Ancona e quella ordinaria di Pesaro hanno aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio volontario con l’aggravante mafiosa. La modalità dell’esecuzione lascia pochi dubbi agli investigatori. Al centro dell’indagine l’identità degli autori, i mandanti e il movente dell’omicidio, che non è escluso essere legato ai conflitti di inizio anni Duemila per il dominio di Gioia Tauro, nei quali era coinvolto il fratello pentito della vittima, Girolamo.