HomeCronaca'Ndrangheta nel cosentino: 202 arresti. Ai domiciliari il sindaco di Rende

‘Ndrangheta nel cosentino: 202 arresti. Ai domiciliari il sindaco di Rende

Pubblicato il

È in corso a Cosenza e nell’hinterland cittadino un’operazione contro la ‘ndrangheta coordinata dalla Procura antimafia di Catanzaro.

Carabinieri, polizia e Guardia di finanza stanno eseguendo oltre duecento ordinanze di custodia cautelare emesso dal Gip distrettuale del capoluogo su richiesta della Dda, diretta da Nicola Gratteri.

Nell’operazione sono coinvolti amministratori locali, professionisti, imprenditori ed esponenti della criminalità organizzata cosentina. Ad eseguire i provvedimenti restrittivi sono stati i carabinieri, la polizia di Stato e la Guardia di finanza. 

L’operazione viene condotta dai carabinieri del Comando provinciale di Cosenza, dalle Squadre mobili di Cosenza e Catanzaro e dallo Sco, dai finanzieri del Comando provinciale di Cosenza e del Nucleo di polizia economica finanziaria di Reggio Calabria, dal Gico di Catanzaro e dallo Scico della Guardia di finanza.

Le persone destinatarie delle ordinanze di custodia cautelare sono, secondo l’accusa, responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, organizzazione illecita di giochi anche d’azzardo e di scommesse, riciclaggio, autoriciclaggio e trasferimento fraudolento di beni e valori.

Il sindaco di Rende, l’avvocato Marcello Manna, è stato arrestato e posto ai domiciliari nell’ambito dell’operazione scattata alba nel cosentino e condotta da carabinieri, polizia e guardia di finanza con il coordinamento della Dda di Catanzaro. Manna è anche il presidente dell’Anci (l’Associazione dei comuni italiani) della Calabria.

Arrestati anche l’assessore alla manutenzione e al decoro urbano di Cosenza Francesco De Cicco e dell’assessore ai Lavori pubblici del comune di Rende Pino Munno. Per loro il Gip, su richiesta della Dda di Catanzaro, ha disposto gli arresti domiciliari.

È stato eseguito anche un sequestro di beni mobili ed immobili per un valore di 72 milioni di euro nell’ambito dell’operazione contro la ‘ndrangheta effettuata a Cosenza e nell’hinterland cittadino per l’esecuzione di 202 ordinanze di custodia cautelare.

Il sequestro è stato attuato dai finanzieri del Gico del Comando provinciale di Catanzaro e dello Scico. Il provvedimento di sequestro é stato disposto dal magistrato della Dda ed ha carattere preventivo d’urgenza. Successivamente, dunque, dovrà essere sottoposto al vaglio del Gip distrettuale. I beni sequestrati consistono in liquidità depositate su conti correnti, aziende e società varie

Ultimi Articoli

Alla Sala Consiliare del Comune di Palmi la presentazione dell’ultimo libro del prof. Attilio Scarcella

Mostra d’arte e musica per celebrare la figura femminile

Palmi, la Metrocity investe sul Monte Sant’Elia: finanziato progetto di quasi 100mila euro

Versace e Ranuccio: «Riqualificazione ambientale e valorizzazione in chiave turistica»

Cittanova, un ricco cartellone di eventi per le festività natalizie

Numerosi gli eventi programmati dal comitato spontaneo "Cittanova in festa"

Porti, tasse d’ancoraggio ridotte a sostegno dei traffici portuali

L'obiettivo è di mantenere il primato nazionale di Gioia Tauro nel settore del transhipment. 

Eseguito un mandato di arresto europeo in Grecia per un 32enne ricercato nel Reggino

L'uomo è accusato anche di tentato omicidio nei confronti di un 59enne di Melito Porto Salvo

Uccisero in carcere un educatore, adesso uno degli imputati vuole patteggiare

Si tratta di Vittorio Foschini, coinvolto nell'inchiesta di 'ndrangheta "Wall Street"