HomeCronacaMigranti: sbarco in Calabria, in 68 soccorsi nel Crotonese

Migranti: sbarco in Calabria, in 68 soccorsi nel Crotonese

Pubblicato il

Sessantotto persone che si trovavano a bordo di una barca a vela sono state soccorse dalla Guardia di Finanza a qualche miglio di distanza dalla costa di Le Castella di Isola Capo Rizzuto, in provincia di Crotone.

Si tratta di migranti di nazionalità afgana e pakistana, presumibilmente partiti dalla Turchia, che sono arrivati a ridosso dalle coste crotonesi senza essere intercettati.

Solo successivamente, quando sono stati avvistati da Le Castella, un mezzo navale della Guardia di finanza di stanza a Crotone è intervenuto per trainare l’imbarcazione nel porto della città.

A bordo c’erano una trentina di nuclei familiari (in gran parte provenienti dall’Afghanistan) con dieci donne; dodici i minori non accompagnati.

Le operazioni di sbarco, coordinate dalla Prefettura di Crotone, si sono svolte sotto la supervisione dell’Ufficio immigrazione della Questura.

I migranti sono stati quindi condotti dai mezzi della Croce rossa italiana nel centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto per le procedure di identificazione e per svolgere la quarantena anti covid. 

Ultimi Articoli

Palmi, la Metrocity investe sul Monte Sant’Elia: finanziato progetto di quasi 100mila euro

Versace e Ranuccio: «Riqualificazione ambientale e valorizzazione in chiave turistica»

Cittanova, un ricco cartellone di eventi per le festività natalizie

Numerosi gli eventi programmati dal comitato spontaneo "Cittanova in festa"

Rigassificatore a Gioia Tauro, Occhiuto: «Meloni prenda in mano questo dossier»

Le dichiarazioni del governatore Occhiuto in un'intervista a "La Stampa"

Porti, tasse d’ancoraggio ridotte a sostegno dei traffici portuali

L'obiettivo è di mantenere il primato nazionale di Gioia Tauro nel settore del transhipment. 

Eseguito un mandato di arresto europeo in Grecia per un 32enne ricercato nel Reggino

L'uomo è accusato anche di tentato omicidio nei confronti di un 59enne di Melito Porto Salvo

Uccisero in carcere un educatore, adesso uno degli imputati vuole patteggiare

Si tratta di Vittorio Foschini, coinvolto nell'inchiesta di 'ndrangheta "Wall Street"