HomeLavoroLavoro: domani a Gioia un consiglio comunale aperto

Lavoro: domani a Gioia un consiglio comunale aperto

Pubblicato il

Si svolgerà domani alle 18 il consiglio comunale aperto a Gioia Tauro per parlare del tema dell’occupazione nella Piana e in particolare dell’attuale situazione del porto.

All’incontro potranno intervenire cittadini ed esponenti delle forze politiche, sociali e sindacali.

La proposta di effettuare un’assemblea aperta sui temi del lavoro è partita dal movimento Insieme per Gioia ed è stata poi condivisa dalla conferenza dei capigruppo dei consiglieri gioiesi, dal sindaco Pedà e da tutta la Giunta.

Il presidente del Consiglio comunale Santo Bagalà ha invitato numerosi amministratori del territorio con l’auspicio che il dibattito in consiglio sia franco, non retorico e che consenta di elaborare una strategia comune sul tema dell’occupazione.

Ultimi Articoli

Massiva attività di estorsione e assenza di denunce: così la ‘ndrangheta si è presa il territorio

Le parole del procuratore capo di Catanzaro Gratteri, e del Prefetto Messina descrivono una realtà drammatica che inquina fortemente l'economia

Cittanova, al Gentile in scena “Ditegli sempre di sì” di Eduardo De Filippo

In scena martedì 31 gennaio per la XIX Stagione Teatrale

Facoltà di Medicina a Reggio Calabria, riunito il tavolo istituzionale per l’avvio del percorso

Presenti i rappresentanti della Città Metropolitana, del Comune, della Camera di Commercio, dell'Ordine dei Medici e dell'Università Mediterranea.

Nei guai l’ex dirigente della Regione Pasquale Anastasi. L’accusa è di traffico illecito di influenze

Ai domiciliari anche un altro dirigente della Regione, Rodolfo Bova

Spi Cgil Calabria, Claudia Carlino ancora alla guida

Con una valanga di voti a favore, ben 63 ed 1 contrario, la segretaria...

Nasce “Aliva”, azienda di complementi d’arredo con legno di potatura di ulivi

L'idea è di quattro ragazzi calabresi: Antonio Centorrino, Vincenzo Fratea, Gabriel Gabriele e Marco Macrì

Tirocinanti ministeriali calabresi: «Dopo lunghi tirocini, lasciati a casa da oltre un anno»

ll grido di allarme dei tirocinanti ministeriali calabresi, da mesi a casa senza alcun sostentamento economico