HomeCulturaI Promessi sposi in scena al "Giovanni Paolo II"

I Promessi sposi in scena al “Giovanni Paolo II”

Pubblicato il

GIOIA TAURO Una rivisitazione del tutto originale de  “I Promessi sposi” è andata in scena venerdì scorso nell’auditorium del Liceo linguistico “Giovanni Paolo II” di Gioia Tauro.

Un’ora e mezza di risate in cui il pubblico era totalmente catturato dalle battute dei giovanissimi attori della I A, che dall’inizio dell’anno scolastico si preparavano per la buona riuscita della rappresentazione, seguiti e supportati dalla pazienza e creatività della loro insegnante di italiano, Edwige Sgambetterra, visibilmente emozionata e orgogliosa dei propri alunni.

“I ragazzi hanno dimostrato grande maturità, – ha detto la docente – impegnandosi duramente e dando il meglio di sé”. L’opera più famosa di Alessandro Manzoni recitata in dialetto calabrese dunque.

Un’idea singolare che ha contribuito a stimolare maggiore interesse nei ragazzi che hanno scritto il copione, improvvisando qua e là durante la diretta. Il tutto in una chiave ironica che ha alleggerito l’opera di cui tutti conoscono la trama, ma che presentava dettagli inediti e interessanti.

Entusiasti dell’iniziativa anche il preside della scuola, Don Albino Caratozzolo e il vicepreside Giuseppe Luccisano. Presenti alla rappresentazione tutti i docenti dell’istituto, alunni e genitori emozionati. Grande contentezza è stata dimostrata dai mini-attori, che adesso però dovranno mettersi sotto con lo studio per concludere l’anno nel migliore dei modi.

Eva Saltalamacchia

Ultimi Articoli

Nominato il comitato scientifico per la Varia di Palmi, Mattiani (Lega): «La Varia è prima di tutto un patrimonio regionale, doveroso tutelarla»

Predisposta una sezione sul sito del Consiglio Regionale e della Regione Calabria dedicata alla Varia

Con Baglioni e Caccamo la parola prende forma al Festival nazionale del Diritto e della Letteratura

Lezioni di diritto rigorosamente dispensate ai non addetti ai lavori mettendo al centro letteratura...

A San Ferdinando nasce il museo diffuso MAD: un legame vivo con la memoria e la cultura della città

L'obiettivo è valorizzare e promuovere il patrimonio storico, artistico e culturale della città.

Anche la Metrocity al Festival nazionale di diritto e letteratura di Palmi con Baglioni, Caccamo e Salvati

Il sindaco Falcomatà: «L'arte abbatte le barriere e riscatta la storia del nostro territorio»

Con Baglioni e Caccamo la parola prende forma al Festival nazionale del Diritto e della Letteratura

Lezioni di diritto rigorosamente dispensate ai non addetti ai lavori mettendo al centro letteratura...

A San Ferdinando nasce il museo diffuso MAD: un legame vivo con la memoria e la cultura della città

L'obiettivo è valorizzare e promuovere il patrimonio storico, artistico e culturale della città.

Anche la Metrocity al Festival nazionale di diritto e letteratura di Palmi con Baglioni, Caccamo e Salvati

Il sindaco Falcomatà: «L'arte abbatte le barriere e riscatta la storia del nostro territorio»