HomeCronacaA Gioia un nuovo collaboratore di giustizia

A Gioia un nuovo collaboratore di giustizia

Pubblicato il

GIOIA TAURO – Arcangelo Furfaro sarebbe un nuovo collaboratore di giustizia. La notizia è stata pubblicata questa mattina sull’edizione di Reggio Calabria da Gazzetta del Sud.

Arcangelo Furfaro
Arcangelo Furfaro

Secondo il giornalista Alfonso Naso, da qualche settimana Furfaro non è più detenuto nel carcere reggino di San Pietro ma sarebbe stato trasferito in una località protetta.

Furfaro, 46enne di Gioia Tauro, era finito in carcere, insieme ad altre 53 persone, nel giugno dello scorso anno, nell’ambito dell’operazione Mediterraneo (leggi l’articolo), in cui vennero scoperti i traffici di droga e armi del clan Molè.

Nella stessa operazione era stato arrestato Piero Mesiani Mazzacuva, anche lui nel luglio dello scorso anno ha deciso di collaborare con la giustizia.

Ultimi Articoli

Palmi, la minoranza: “Necessaria trasparenza sul bilancio della Fondazione Varia”

I consiglieri, durante l'assise di sabato 20 luglio, hanno chiesto ancora una volta spiegazioni al sindaco e, non avendo ricevuto risposte di chiarimento, hanno abbandonato l'aula

Felici & Conflenti, dal 23 luglio la festa di comunità più grande della Calabria dedicata al patrimonio coreutico e musicale

Prime tre giornate tra natura, incontri e formazione. Ospiti di rilievo Mimmo Lucano, Vito Teti, Giuseppe Smorto e Massimiliano Capalbo

I Negramaro chiudono la tappa palmese dell’RDS Summer Festival 2024

Sul palco anche Irama. Piazza I Maggio piena per l'evento musicale

Incendio di Palmi, Arpacal installa un’altra centralina a Taurianova

Il sindaco Biasi ringrazia per la prontezza: «Siamo con i cittadini che chiedono trasparenza per trattare l’allarme senza generare inutili allarmismi»

Controlli della Polizia nella Piana, 11 denunce e sanzioni per 15mila euro

Particolare attenzione è stata prestata ai veicoli in transito nelle zone della movida

Avrebbero usufruito del bonus facciate senza aver realizzato i lavori: due persone ai domiciliari e 1,6 milioni di euro di beni sequestrati

L'operazione della Guardia di Finanza è stata coordinata dalla Procura di Palmi