Covid, Messignadi non è più “zona rossa”

Il presidente della Regione Santelli revoca l'ordinanza del 29 Agosto scorso con cui veniva chiuso l'accesso nella frazione di Oppido Mamertina

0
125

Messignadi, frazione di Oppido Mamertina, non è più “zona rossa”.

Lo ha deciso il presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, che ha firmato un’ordinanza – la numero 66 del 15 Settembre – con cui ha revocato il provvedimento n. 64 del 29 Agosto, con cui veniva istituita la chiusura della frazione dopo che 13 persone della stessa famiglia sono risultate positive al Coronavirus.

La decisione è stata presa nelle scorse ore e subito comunicata al sindaco Bruno Barillaro, il quale ha informato immediatamente i suoi cittadini.

«Detta ordinanza ribadisce l’obbligo, per tutta la popolazione di Messignadi, dell’uso delle mascherine in tutti i luoghi chiusi e all’aperto accessibili al pubblico nelle circostanze in cui la distanza interpersonale non possa essere rispettata – scrive Barillaro – Resta fermo il divieto di assembramento ed il rispetto delle misure igieniche di prevenzione».

A partire dal 30 Agosto nella frazione sono stati allestiti due centri gestiti dalla Croce Rossa, in cui sono stati effettuati tamponi alla popolazione su base volontaria; la cittadinanza ha risposto bene alla richiesta del sindaco di eseguire i controlli richiesti, per evitare il propagarsi del virus soprattutto nei casi di soggetti asintomatici.

21 in tutto i positivi, perlopiù appartenenti alla famiglia da cui ha avuto origine il piccolo focolaio.