Cittanova, aggressione al sindaco. Indagano i Carabinieri

Dura presa di posizione dell'Amministrazione comunale. La solidarietà di sindaci della Piana e Falcomatà

0
164
Il sindaco di Cittanova, Francesco Cosentino

In merito alla presunta aggressione, verbale e fisica, da parte di un cittadino avvenuta presso la sede comunale ai danni del sindaco di Cittanova, Francesco Cosentino – per cui si è reso necessario l’intervento di un’ambulanza ed il conseguente trasporto per accertamenti medici presso l’ospedale di Polistena – le forze dell’ordine hanno avviato le indagini affidate alla locale stazione dei Carabinieri con l’ausilio della Compagnia di Taurianova per delineare l’esatto quadro delle responsabilità. Intanto con una nota si sono fatti sentire i sindaci dell’Associazione “Città degli Ulivi” esprimendo solidarietà a Cosentino “per il grave episodio del quale è rimasto vittima” spiegando che lo stesso “sta vivendo da tempo una situazione di grave disagio e tensione, sia sul piano umano che dal punto di vista istituzionale”. I sindaci della Piana, per mezzo il Presidente del Comitato, Marco Caruso e dell’Assemblea, Michele Conia, puntualizzando di sentirsi “abbandonati al loro destino” hanno voluto sottolineare come il primo cittadino di Cittanova abbia “denunciato questo stato di cose, pur proseguendo nella sua quotidiana attività di amministratore” chiedendo per tutti maggiori tutele. Ferma è arrivata anche la condanna da parte dell’Amministrazione comunale cittanovese che ha puntato il dito contro i «continui attacchi e le virulente aggressioni verbali, con chiare modalità persecutorie, nei confronti del sindaco, hanno determinato un’escalation fino all’aggressione fisica allo stesso che ne ha determinato il conseguente ricovero. I continui appelli non hanno, ad oggi, impedito che il contesto sociale cittanovese subisse un imbarbarimento, che non ha risparmiato alcuna delle sue componenti, pesantemente insultate in ogni modo e spesso vilipese vergognosamente. Cittanova, nella sua storia, ha sempre dimostrato di incarnare idealmente i sacri principi della difesa del diritto e delle libertà democratiche» aggiungendo come «il clima che attualmente si respira nella comunità va in direzione opposta e favorisce la crescita di “fenomeni” poco consoni alle tradizioni di cultura e civiltà che hanno sempre connotato il nostro paese». L’Amministrazione ha, quindi, chiesto «con forza, che le competenti autorità intervengano con decisione per riportare alla normalità lo svolgimento delle attività istituzionali» invitando altresì il sindaco «a proseguire il suo diuturno impegno per risolvere le criticità presenti e per garantire il sostegno dell’Amministrazione comunale a tutti i cittadini». Vicinanza e solidarietà è giunta anche dal sindaco metropolitano, Giuseppe Falcomatà, che ha parlato di “assurdo episodio di violenza” e di «circostanza che deve far riflettere e che richiama le istituzioni ad un impegno collettivo e concreto, in difesa delle dinamiche democratiche, dei diritti, della sicurezza e delle prerogative degli amministratori eletti dal popolo».