Attentati a Bruxelles: il racconto di Ranuccio e Frisina

I due amministratori si trovano nella capitale belga per un incontro sull'utilizzo dei fondi europei. «La Farnesina ci ha contattati invitandoci a non uscire dall'albergo»

0
2952

I consiglieri Pasquale Frisina e Giuseppe Ranuccio insieme all'europarlamentare Nicola Caputo
I consiglieri Pasquale Frisina e Giuseppe Ranuccio insieme all’europarlamentare Nicola Caputo

BRUXELLES – A Bruxelles, città colpita questa mattina da due attentati di matrice terroristica che hanno fatto finora 34 morti e un centinaio di feriti, si trovano anche Giuseppe Ranuccio e Pasquale Frisina, consiglieri comunali d’opposizione del Comune di Palmi. Sono lì insieme a tanti amministratori locali reggini, per seguire una serie di incontri ed iniziative sull’utilizzo dei fondi comunitari da parte delle amministrazioni locali.

Li abbiamo raggiunti al telefono per chiedere come stanno.

«Questa mattina stavamo per lasciare la camera d’albergo quando abbiamo appreso dai media locali la drammatica notizia degli attentati – racconta Giuseppe Ranuccio – Ieri siamo stati al Parlamento Europeo per un primo incontro e questa mattina alle 10e30 avremmo dovuto raggiungere il Comitato delle Regioni dove era in programma un incontro formativo molto importante, e ci saremmo recati in metropolitana, dove intorno alle 9 si è verificata la seconda esplosione».

Tutto annullato perché in città l’allerta è salita al livello massimo e le autorità hanno invitato la popolazione a non riversarsi in strada, per non ostacolare le operazioni di soccorso.

«Adesso ci troviamo in albergo – ci dice ancora il consigliere Ranuccio – Si sentono le sirene delle forze di polizia e dei soccorritori, la situazione è davvero surreale. Siamo stati contattati dalla Farnesina che ci ha invitati a non muoverci dagli edifici in cui ci troviamo».

Tanta la paura, soprattutto dei familiari rimasti in Italia, che hanno avuto difficoltà a mettersi in contatto con i due consiglieri. Grazie all’applicazione “Facebook safety check”,  i consiglieri hanno confermato di essere al sicuro e di stare bene.

«Il volo di rientro per il momento è fissato nella tarda mattinata di domani – spiega Giuseppe Ranuccio – ma siamo in attesa di conferme».