16 novembre 1894: il ricordo del miracolo della Madonna del Carmine

0
137

Il 16 novembre 1894, un terremoto di catastrofiche dimensioni colpì le province di Reggio Calabria, Catanzaro e la Sicilia Orientale. 

In Sicilia, il terremoto distrusse la facciata del Duomo di Messina, la Torre del Faro, colpendo anche le zone dell’Etna e delle Isole Eolie. In Calabria, furono soprattutto i territori di Sant’Eufemia d’Aspromonte, San Procopio, Santa Cristina, Oppido Mamertina, Sinopoli, Seminara e Bagnara a subire le devastazioni, ma l’epicentro del terremoto fu a Palmi. Qui, però, le violenti scosse furono precedute da segni premonitori che si verificarono nella piccola chiesa dedicata alla Beata Vergine del Carmelo, la cui statua presente all’interno della chiesa iniziò a compiere gesti straordinari. 

Gli eventi ebbero inizio il 31 ottobre 1984, e si protrassero fino al 16 novembre. In questi giorni, fedeli e non credenti, si riunirono all’interno della Chiese, dove assistettero a straordinarie manifestazioni che crearono forte scalpore, tanto da essere narrate anche dalla stampa del tempo. 

«Spuntava l’alba del 31 ottobre 1894. Era il mese consacrato alla Santissima Vergine delle Vittorie. Dopo la Messa, la Santissima Vergine sotto il titolo del Monte Carmelo, che si venera in chiesa propria in Palmi, si fa scorgere dai fedeli presenti con un viso pallido e con gli occhi di donna quasi svenuta. In un istante si diffonde la notizia: tutto il popolo, gli ufficiali pubblici, il clero vedono le colonne dell’altare, le mura della chiesa, il volto della Madonna che grondano acqua. Dopo, la Gran Vergine chiude gli occhi, che riapre spesso cambiando la tinta del volto, ora come di pallore, ora come di gioia». 

 (La Civiltà Cattolica)

Le manifestazioni raggiunsero il culmine il giorno del terremoto, il 16 novembre. Quel giorno, infatti, fin dalle ore 15:00 la Madonna iniziò a muovere gli occhi in modo sempre più veloce e il colore del suo viso era in continuo cambiamento.

Il cielo era oscurato dalla nebbia, soffiava un vento di scirocco, e la popolazione impaurita si riversò nella chiesa. Alle 18:00 la popolazione, spaventata da quello che stava accadendo, volle portare a tutti i costi la statua della Beata Vergine in processione per le vie.  Arrivati alla fine del Corso Garibaldi, arrivò il terremoto.

Il terremoto distrusse gran parte della città, ma i morti avrebbero potuto essere molti di più se la gente non fosse stata per le strade in processione, ma all’interno delle proprie abitazioni. Scosse e crolli continuarono a succedersi in modo spaventoso. Il giorno dopo, 17 novembre, furono portate nella piazza principale tutte le statue di Santi presenti nelle chiese palmesi e venne celebrata una messa. Nel 1986, in memoria del miracolo compiuto quel 16 novembre, la Vergine del Carmelo venne “Incoronata” con un Decreto del Capitolo Vaticano al grido “Viva Maria”.

Da allora, ogni anno il 16 novembre la statua della Madonna del Carmine viene condotta per le stesse strade percorse allora, in una processione penitenziale, fino al punto dove il sisma si fece maggiormente sentire, la fine del corso Garibaldi. 

“ E’ ura mi si nesci,
ca l’ura s’avvicina…
nda’, ja,…mbuttamu giuvani
no la pensati a schina…
l’urtima spera catti 
e ccà non sugnu sulu
ccùmpagnu la Madonna
mi jamu ndì ddhù “muru”.
Undi nc’è lu “rrìcordu”,
chi fici uniri i mani 
li casi… li muntagni…
tremari i parmisani.
Addhùmu la candila,
“dassatimi addhùmari”
È nvecchìu “catanonnu”
Chi avi di scuntari!
Ora sì l’animo mio è tranquillo, nessun pensiero in mente…
Ave Maria…Ave, cammino lentamente.
Non più di mille passi e siamo già arrivati…
Di là da un balcone, il prete ci hà guardati, ci dice, ci rammenta quanto è successo allora, promessa di questìora, al tuo fratello dona. 
Al pater, alla fine, scambiatevi la pace:
(pace fratello … pace) e il mio vicino tace! 
“pace fratello… FORTE! Paci fratellu… paci! Dentro di me… è notte!

(Mario Bagalà)

 

-Il terremoto del 16 novembre 1894 e il miracolo della Madonna del Carmine a Palmi (Domenico Ferraro)
-Primo Centenario del Miracolo della Madonna del Carmine; Palmi 1894-1994 (a cura di Mario Bagalà)