HomeLavoroUna preghiera per la crisi del porto

Una preghiera per la crisi del porto

Pubblicato il

don Pino De Masi

GIOIA TAURO – «La situazione che si sta delineando nel porto di Gioia Tauro non può lasciare indifferente la chiesa. Il porto è una realtà alla quale si è sempre guardato  con occhio di speranza e sviluppo futuro».

E’ con queste parole che ha esordito don Pino Demasi, vicario generale della diocesi, al momento di preghiera solidale, organizzato dalla Diocesi di Oppido – Palmi alla ormai famosa chiesa container del porto.
«E’ un momento preoccupante per il futuro lavorativo di centinaia di persone. – ha proseguito il vicario – La chiesa non è colei che può trovare la soluzione, ma questo non vuol dire stare a guardare. Siamo chiamati a dare il nostro contributo. E’ necessario che in tutti gli ambiti, quello politico, quello economico e quello lavorativo, ci si ricordi di ciò che Benedetto XVI ha detto, e cioè che il primo capitale da salvaguardare è l’uomo nella sua integrità. Faccio appello infine, – ha concluso don Pino Demasi – agli imprenditori e i vertici aziendali affinchè il profitto non diventi l’unico motivo di riferimento. Un sano connubio tra etica ed economia, porterebbe alla consapevolezza che un’azienda deve considerare tutti i singoli elementi che contribuiscono alla vita aziendale. E ricordiamo che la lotta di ciascuno per il lavoro, è la lotta di tutti».

Si è trattato di un evento di grande importanza e solidarietà non solo nei confronti delle persone più colpite dal “problema” ma per l’intera città di Gioia Tauro e tutto il comprensorio.
Ad organizzare l’incontro, insieme a don Natale Ioculano, sono stati la Pastorale sociale e del lavoro, la Consulta diocesana aggregazioni laicali e il consiglio Pastorale diocesano.

All’evento erano presenti fra gli altri, il comandante della capitaneria di porto Giuseppe Andronaco, e l’ispettore dei vigili del fuoco Natal Zucco. L’incontro si è alternato tra alcuni brani della “Laborem Exercens”, e una serie di canti, e a fare gli onori di casa non poteva che essere don Natale.

«La situazione del porto riflette le problematiche del lavoro, – ha esordito il cappellano – come chiesa ci sentiamo di essere solidali in quello che determina il futuro di tante famiglie. Individuare un colpevole sarebbe deviante, siamo qui per chiedere aiuto al Signore, poiché il lavoro costituisce una dimensione fondamentale dell’uomo sulla terra.  Oggi più che mai è richiesta maggiore unità e impegno perché si riesca ad uscire dalla crisi».

Eva Saltalamacchia

Ultimi Articoli

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Carcere di Palmi, al via un percorso di sostegno alla genitorialità per i detenuti

L'iniziativa è organizzata dalla Camera Minorile "Malala" di Palmi

Ossama Benkhalqui: da Gioia Tauro a X Factor, il viaggio di un giovane talento

Ex giocatore della squadra di calcio della città, oggi sogna di diventare un cantante di successo. Intervista al 19enne marocchino che si ispira aò rapper napoletano Geolier

Rosarno, oggi l’inaugurazione di “Villa Santelli” sorta su un bene confiscato

L'immobile è appartenuto alla famiglia Cacciola; UniReggio l'ha trasformato in un polo di servizi per la comunità

Agostinelli a Roma promuove il porto di Gioia Tauro: «È l’alfiere della portualità italiana»

l presidente dell’Autorità di sistema portuale dei mari Tirreno meridionale e Ionio ha partecipato al convegno intitolato “Mediterraneo e nuove sfide – Storia, cultura e sviluppo”

Autorizzato l’adeguamento tecnico funzionale al Piano regolatore al Porto di Gioia

Offrirà una maggiore e uniforme profondità dei fondali lungo l’intero canale

Let Expo, Agostinelli: «Le risposte alle crisi sono gli investimenti che sostengono lo scalo di Gioia Tauro»

Il presidente dell'Autorità di Sistema portuale ha preso parte all’evento fieristico dedicato alla mobilità ecosostenibile, in corso a Verona