Tappe della memoria a Brancaleone e Samo per l’ANPI “Talotta Gullace”

Per commemorare Pavese e Malerba, emblemi della resistenza

0
212

Visita ai luoghi del confino di Cesare Pavese a Brancaleone (RC) e a Samo (RC) il paese di origine del partigiano Brancatisano detto Malerba per la sezione ANPI “Talotta Gullace” di Polistena che – in sinergia con la ProLoco Brancaleone e la Cooperativa Aspromonte di Samo – proporrà per il prossimo 5 novembre un itinerario tendente a riscoprire, dapprima, i luoghi di confino del noto scrittore piemontese costretto – tra l’agosto del 1935 e la primavera del 1936 – a trascorrere un soggiorno forzato di otto mesi a Brancaleone ove compose, peraltro, diverse opere letterarie. “La dimora del confino di Cesare Pavese, è un vero scrigno di storia, qui lo scrittore trascorse il suo periodo di confino politico, ma non solo, compose fra le più belle ed importanti opere della sua produzione letteraria. La casa, restaurata, custodita e conservata dal suo esimio proprietario è arricchita da un bel giardino di agrumi ed altre piante da frutto particolari, che in ogni periodo dell’anno regalano profumi e colori particolari” hanno spiegato dal Direttivo. A seguire, tappa a Samo per visitare il murales del partigiano samese Pasquale Brancatisano, nome di battaglia Malerba, e per rendere omaggio alla memoria di un uomo valoroso che, partendo da sud, prese parte alla lotta per la libertà e democrazia condotta dai partigiani in Italia settentrionale, in particolare, liberando Torino assieme ad altri centomila combattenti.