HomeSportSpettacolo della OmiFer Palmi al PalaSurace: 3-1 contro Ortona

Spettacolo della OmiFer Palmi al PalaSurace: 3-1 contro Ortona

Pubblicato il

Con una delle più belle prestazioni mai registrate nella recente storia del movimento pallavolistico palmese, l’OmiFer regola la seconda forza del campionato di Serie A3 Lega Volley, la Sieco Service Ortona del grande schiacciatore italo cubano Leo Marshall, per 3 set a 1 (sfiorando il cappotto 3-0) e conquista temporaneamente il terzo posto in classifica in attesa del risultato della diretta antagonista Tuscania che deve ancora affrontare Napoli prima di approdare al “PalaSurace” per il big match di sabato pomeriggio proprio contro le casacche azzurre.

I ragazzi di coach Radici sfoderano le loro migliori qualità in un palazzetto che dire bolgia è dire poco e mettono in saccoccia tre punti meritati e preziosissimi per l’obiettivo play-off. Alla fine è grande festa in campo e tra gli spalti di un fortino diventato a pieno titolo roccaforte inespugnabile con tre successi su tre partite giocate ai piedi del Sant’Elia. 

L’Impavida Ortona scende in campo carica e fa vedere subito di che pasta è fatta con la forza e la determinazione di giocatori del calibro di Marshall e Bulfon, si piazza subito avanti raggiungendo i 6 punti ma viene tallonata da un’OmiFer che vuole vendere cara la pelle e le sta subito a ruota grazie alla regia di Marsili, all’intelligenza di Stabrawa che mette dentro un pallonetto molto astuto e le schiacciate di capitan Gitto, Rau e Peppino Carbone. Un monster block della Franco Tigano fa intuire subito di che livello è fatto il match. Siamo sull’8-8 con le due formazioni che rispondono colpo su colpo, punto su punto. Stabrawa ricorda al pubblico di casa che incita i suoi con un tifo da stadio che oltre all’astuzia è dotato di una potenza formidabile e mette a segno una palla imprendibile per il 9 pari.

Ortona cerca di prendere le distanze con il solito Marshall portandosi a +2 ma è imprecisa al servizio e Palmi è sempre alle costole pareggiando i conti con un imperioso muro di capitan Gitto. “Power” Pawel Stabrawa cerca di prendersi la scena facendo tutto lui: sbaglia il servizio, carica la squadra, spara un missile aria-terra per il 12 pari e il successivo primo vantaggio dell’OmiFer su errore degli avversari. 13-12 Palmi.

Tra gli spalti la temperatura adesso è altissima. Si procede un punto alla volta per parte, con le furie rosse di Ortona sempre in vantaggio e le casacche azzurre subito puntuali al pareggio. Rau piega le mani al biondo Ceccoli, Peppino Carbone schiaccia su un muro fuori, Davide Pellegrino, appena entrato sbaglia il servizio, e sul diagonale vincente di Leo Marshall ai 20 ci arriva prima Ortona. Mister Radici chiama il time-out. Si ricomincia dal 17-20 per gli ospiti. Bertoli manda out il servizio, Marinelli la fa passare in mezzo e l’OmiFer è di nuovo a meno uno. 19-20. Stavolta è coach Lanci a chiamare il time-out.

Bertoli-Ferrato cercano di mettere paura alla “Franco Tigano” ma Gitto, Stabrawa e compagni paura non ne hanno e lo dimostrano con delle splendide giocate che portano al pareggio sul 21 pari. Set tutt’altro che chiuso. Gitto svetta alto e mura gli avversari, Palmi mette la freccia e supera Ortona: 22-21. Il palazzetto adesso è una bolgia. Ortona resiste, va sul 22 pari ma Bulfon sbaglia il servizio: 23-22. È il delirio tra gli spalti. Rimedia Marshall che schiaccia per il 23 pari. Marinelli la fa passare dopo una lunghissima giocata. 24-23. Il PalaSurace è sulla luna. Fuori il muro dell’Ortona. È vera estasi. 25-23 e uno a zero Palmi. 

Si ritorna in campo per il secondo set con i piedi per terra. Non Gitto che non è ancora sceso dall’iperuranio e piazza subito un fantastico punto per l’1-0. Lo segue un missile supersonico in battuta di “Power” Stabrawa. 2-0 Palmi. Un’altra sua bomba va di poco fuori. Accorcia le distanze e poi pareggia Ortona. Una gran botta di Peppino Carbone, un doppio diagonale vincente di Michele Marinelli e un monster block di Stabrawa riportano Palmi di nuovo in vantaggio: 6-5. L’Impavida non è precisissima al servizio, sbaglia anche l’OmiFer, si va sul 7-7. Ma i locali mostrano i denti con un altro monster block stavolta di Giancarlo Rau, ancora out la battuta di Ortona, smash di Marsili ed è 10-9.

Pawel Stabrawa sbaglia e poi segna, poi segna e basta, siamo sull’12-11. Secondo set combattutissimo, forse più del primo. Si va punto a punto con Carmelo Gitto che mette a referto il 13-12. Colpo su colpo si arriva al 15 pari. Devastante Stabrawa ma anche tutti i compagni che in occasione del sedicesimo punto sfoggiano la potenza di fuoco di cui dispongono. Arriva anche il 17-16 sempre con il polacco che sfonda la palla. Lo emula Peppino Carbone per il 18-17. Sul 19-17 arriva il time-out degli ospiti.

La partita è davvero fantastica, di un’intensità e di un livello davvero molto alto. Con un ace, l’Ortona va sul 19 pari ma ai 20 ci arriva per prima Palmi con una sciabolata di Michele Marinelli. Un simpatico net in battuta di Gitto regala all’OmiFer il punto del 21-19. Poi è ancora punto, il palazzetto deflagra, Radici dalla panchina sorride soddisfatto per il 22-19. Ortona tenta una reazione, si porta a meno uno, Radici chiama il time-out. Al rientro, Rau mette tutti in fila con una manata vincente: 23-21. Out il muro dell’OmiFer 23-22. Poi l’Impavida pareggia e torna in vantaggio 23-24. Set al cardiopalma ma perderlo così per Palmi è un vero peccato. Errore di Stabrawa, video-check dentro-fuori, la palla è fuori. 23-25 e uno pari. 

Si va al terzo set. Palmi riprende il gioco con rabbia e si porta subito sul 3-0 a suon di schiacciate ed ace brucia mani. Dagli spalti si leva il coro “noi vogliamo questa vittoria” e i ragazzi di mister Radici fanno di tutto per accontentare i propri beniamini ma l’Ortona è un avversario ostico, Palmi comunque è ancora avanti per 5 punti a 4. Il rullo di tamburi dei tifosi si fa assordante, Rau si esalta con un monster block da urlo, Ortona reagisce con forza e passa in vantaggio: 6-7. Primo time-out OmiFer. I padroni di casa mantengono però la giusta lucidità e determinazione e si riportano in testa a+2 sul 10-8 con un muro imponente di capitan Gitto. La partita adesso ha l’andamento di un elastico con dei tentativi di fuga da una parte e dell’altra per poi fissarsi puntualmente sul pareggio. È così fino al 12-12. Poi Palmi tenta di staccare gli avversari portandosi sul 16-13.

Inevitabile il time-out di Ortona. Ma la musica non cambia anzi, Ortona va in bambola commettendo un errore d’intesa madornale: 18-14, massimo gap fin qui tra le due squadre e di nuovo time-out degli ospiti. Primo tempo out per Ortona, sale il divario: 19-14, poi le furie rosse accorciano ma ai 20 ci arriva ancora una volta per prima Palmi: 20-15. Stavolta Palmi mantiene la calma, Pawel Stabrawa si specializza in pallonetti imprendibili, Carmelo Gitto spara a cannonate e si va sul 22-17. Il video-check suona la carica per Michele Marinelli, Palmi si porta prima a +6 e poi a +7, ovvero 24-17. Set point, tremano i seggiolini, ma Stabrawa sbaglia la battuta, 24-18, i set point rimangono innumerevoli per Palmi, che la chiude 25-18 con Peppino Carbone. Ortona annichilita e 2-1 OmiFer.

L’inizio del quarto set vede Ortona stare sul pezzo ma è l’OmiFer che detta la linea con Michele Marinelli che sale in cattedra piazzando tre punti consecutivi portando i suoi sul 6-5. Il punto successivo è un vero e proprio show: lunghissimi secondi di scambi spettacolari finalizzati da una palla di Stabrawa che va sul mani fuori, poi è ancora il polacco ad incidere per l’8-5. La panchina e gli spalti fanno fatica a trattenere l’entusiasmo per una squadra che sta esprimendo una delle migliori performance di sempre. Siamo sul 10-6 e il pubblico è in visibilio. Ortona non regge la pressione del “PalaSurace” e sbaglia il servizio, l’emozione però gioca brutti scherzi anche all’OmiFer che fa lo stesso: 11-8. Rimane invece glaciale “Power” Stabrawa che mette a segno l’11-9, punteggio che diviene 12-9 grazie a un altro errore alla battuta dell’Impavida. Adesso la stanchezza si fa sentire da entrambe le parti, si sbaglia di più ma l’intensità rimane la stessa, ancora Stabrawa con una fucilata mette a referto il 14-11.

Martello Gitto inchioda i dirimpettai di rete per il 15-13, l’Ortona non molla e va sul 15-14. Si gioca ancora una volta punto a punto. Un super Marsili, il solito Stabrawa e capitan Gitto ristabiliscono le distanze portando la squadra sul 19-16. Time-out Ortona. Al rientro i ragazzi di mister Radici recuperano una palla praticamente già a terra e Rau con un monster block fa esplodere gli spalti. Fa lo stesso Peripolli per il 21-16. Ortona si tiene ancora in vita raggiungendo incredibilmente il pareggio e poi passando addirittura in vantaggio 21-22. Momento delicatissimo della partita. Palmi non demorde pareggia e poi torna avanti sul 23-22 con un ace di Stabrawa.

La battuta successiva va out: 23 pari. Poi Carmelo Gitto sfodera di nuovo una martellata per il 24-23. Tutti in piedi è match point: ma Carbone sbaglia il servizio 24 pari e si va ai vantaggi. La piazza Marinelli, ancora match point, parte il conto alla rovescia di un infernale palazzetto: 1-2-3 e per Ortona non ce n’è più, l’Impavida stavolta è una strepitosa OmiFer Palmi! 

Ultimi Articoli

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Carcere di Palmi, al via un percorso di sostegno alla genitorialità per i detenuti

L'iniziativa è organizzata dalla Camera Minorile "Malala" di Palmi

Ossama Benkhalqui: da Gioia Tauro a X Factor, il viaggio di un giovane talento

Ex giocatore della squadra di calcio della città, oggi sogna di diventare un cantante di successo. Intervista al 19enne marocchino che si ispira aò rapper napoletano Geolier

Rosarno, oggi l’inaugurazione di “Villa Santelli” sorta su un bene confiscato

L'immobile è appartenuto alla famiglia Cacciola; UniReggio l'ha trasformato in un polo di servizi per la comunità

Palmese, salvezza ai playout col brivido: 2-1 ai supplementari contro il Gioiosa Jonica

Il 2-1 firmato Basile e Deza ha premiato i neroverdi di mister Crucitti, che ottengono la salvezza e rimangono in Eccellenza

Palmi, la pallavolo “Franco Tigano” rileva i diritti di A2

Il titolo è stato rilevato dal Lupi Santa Croce

Sport, successo per la Baby Champions. I complimenti di Conia e Luciano

Lo sport ha un ruolo essenziale nella crescita delle giovani generazioni e ha il...