HomeAltre NotizieRiparte la protesta dei lavoratori di Piana Ambiente

Riparte la protesta dei lavoratori di Piana Ambiente

Pubblicato il

GIOIA TAURO – E’ ripartita la protesta tra i lavoratori di Piana Ambiente che da questa mattina hanno formato un presidio permanente davanti all’inceneritore di contrada Cicerna a Gioia Tauro.

La protesta era stata annunciata venerdì sera al termine dell’assemblea dei sindaci della Piana a cui hanno partecipato gli assessori regionali Franco Pugliano e Antonio Caridi.

Pensavano di ottenere impegni concreti sul pagamento degli stipendi ( non vengono pagati da mesi) e sul loro futuro professionale. I sindaci hanno invece deciso di creare una delegazione che possa partecipare a un tavolo tecnico che dovrebbe tenersi a livello regionale e di attivarsi per spingere i comuni a pagare quanto dovuto ai lavoratori in sostituzione di Piana Ambiente.

I 105 lavoratori vogliono garanzie per il futuro, chiedono di sapere quali siano i comuni interessati a creare un nuova realtà che si occupi della raccolta dei rifiuti e soprattutto pretendono che vengano pagati gli stipendi arretrati.

La protesta al momento è pacifica, i lavoratori non hanno effettuato alcun blocco ma hanno già annunciato che se a breve non ci saranno novità positive, bloccheranno l’ingresso all’inceneritore, impedendo a tutti i camion di scaricare i rifiuti.

Lucio Rodinò

Ultimi Articoli

Volley, l’OmiFer attende la Capitale nella bolgia del PalaSurace

Domani la squadra di mister Radici sfiderà in casa la SMI Roma

Al Teatro Gentile di Cittanova in scena Tosca d’Aquino e Giampiero Ingrassia

Il 9 febbraio appuntamento con "Amori e sapori nelle cucine del Gattopardo"

Reggio, domani la presentazione di “Guida all’Aspromonte misterioso”

Edito da Rubettino, è stato scritto da Giuseppe Battaglia e Alfonso Picone Chiodo

Laureana, ancora chiuso il tratto di strada pedemontana

Da ormai più di un biennio la strada, realizzata di recente, che permetterebbe un alleggerimento del traffico sulla SGC, non è praticabile e non se ne conosce il motivo

‘Ndrangheta: Estorsioni, sequestri e riciclaggio. Arrestate 56 persone in tutta Italia

L'operazione di polizia a Vibo Valentia, Catanzaro, Reggio Calabria, Palermo, Avellino, Benevento, Parma, Milano, Cuneo, L’Aquila, Spoleto e Civitavecchia

Arresti ‘ndrangheta: i nomi dei soggetti coinvolti

Tra gli arrestati anche persone di Palmi, Taurianova, Barritteri di Seminara, Gioia Tauro e Polistena