HomeCronacaProcesso Scacco Matto: iniziata la requisitoria

Processo Scacco Matto: iniziata la requisitoria

Pubblicato il

Tribunale_di_Palmi PALMI – E’ iniziata ieri, presso l’aula bunker del tribunale di Palmi, la requisitoria del PM Matteo Centini, nell’ambito del processo penale denominato “Scacco Matto”. Il procedimento in corso che coinvolge 41 imputati, prende il nome dall’operazione della polizia giudiziaria che ha interessato la famiglia Longo di Polistena e altri presunti affiliati, iniziata nel marzo del 2011. I soggetti coinvolti, accusati a vario titolo di associazione mafiosa finalizzata al compimento di una serie di reati, avranno modo di ascoltare le richieste di pena che nei prossimi giorni il Pm chiederà concludendo così la sua requisitoria. Obiettivo della Procura nell’operazione Scacco Matto, che sin da subito è stato evidente, è quello di dimostrare la presenza della famiglia Longo come cosca storicamente presente e attiva nel territorio polistenese. E di presunta cosca imprenditoriale, di alleanze con il clan rosarnese dei Pesce e di vari collegamenti con le consorterie mafiose, sono stati i punti salienti dell’arringa di Centini, davanti al collegio formato dal presidente Concettina Epifanio e dai giudici a latere Dionisio Pantano e Antonella Crea. Il Pm richiamando una delle decine di conversazioni intercettate, ha sottolineato come taluni imputati, presunti appartenenti alla cosca Longo, discutendo di appalti e lavori vari, avessero affermato che “il potere è il lavoro e il lavoro fa parte del potere”. Nei vari passaggi della requisitoria si evidenzia poi che l’esistenza della cosca polistinese non è mai stata accertata giudizialmente (non c’è infatti una sentenza che attesti l’esistenza della consorteria mafiosa) ma essa emergerebbe comunque da altre sentenze che hanno condannato altre famiglie della ‘ndrangheta, specie del reggino. Una cosca quindi presente nel territorio seppur celata, strettamente connessa all’attività imprenditoriale, inserita negli appalti pubblici e privati sia direttamente che, secondo Centini, indirettamente al punto tale da consentirgli di intervenire per mediare e appianare i contrasti tra le ‘ndrine di altri paesi in faida tra di loro. La requisitoria durata fino al tardo pomeriggio, dovrebbe concludersi tra oggi e domani con la richiesta delle pene per gli imputati. Angela Angilletta

Ultimi Articoli

Palmi, la Metrocity investe sul Monte Sant’Elia: finanziato progetto di quasi 100mila euro

Versace e Ranuccio: «Riqualificazione ambientale e valorizzazione in chiave turistica»

Cittanova, un ricco cartellone di eventi per le festività natalizie

Numerosi gli eventi programmati dal comitato spontaneo "Cittanova in festa"

Rigassificatore a Gioia Tauro, Occhiuto: «Meloni prenda in mano questo dossier»

Le dichiarazioni del governatore Occhiuto in un'intervista a "La Stampa"

Porti, tasse d’ancoraggio ridotte a sostegno dei traffici portuali

L'obiettivo è di mantenere il primato nazionale di Gioia Tauro nel settore del transhipment. 

Eseguito un mandato di arresto europeo in Grecia per un 32enne ricercato nel Reggino

L'uomo è accusato anche di tentato omicidio nei confronti di un 59enne di Melito Porto Salvo

Uccisero in carcere un educatore, adesso uno degli imputati vuole patteggiare

Si tratta di Vittorio Foschini, coinvolto nell'inchiesta di 'ndrangheta "Wall Street"