HomeAltre NotizieProcesso alle banche, in 13 "non hanno commesso il fatto". Un solo...

Processo alle banche, in 13 “non hanno commesso il fatto”. Un solo rinvio a giudizio

Pubblicato il

PALMI – Si è conclusa con tredici proscioglimenti “per non aver commesso il fatto” ed un rinvio a giudizio l’udienza preliminare del processo a carico di Enrico Pernice, ex direttore generale di Banca Antonveneta, accusato di aver applicato tassi che superavano la soglia sia del tasso di interesse che della commissione di massimo scoperto.

All’esito dell’udienza il GUP ha emesso sentenza di non luogo a procedere con la formula “per non avere commesso il fatto” per i direttori di filiale Salvatore Guerra Colosi, Germana Greco, Antonio Napoli, Francesco La Torre, Maurizio Grillone (difeso dall’Avv. Lorenzo Gatto) e Vincenzo Sarlo (difeso dall’Avv. Luigi La Capria) e per i funzionari Ortolan, Loria, Bagalà e Cherubini) mentre ha disposto il rinvio a giudizio per i direttori generali della Banca Antonveneta, Pernice e Mucci. Il 2 febbraio prossimo inizierà il processo dinanzi al Tribunale di Palmi.

L’inchiesta è nata in seguito alla denuncia sporta dall’imprenditore Antonin De Masi, che ha già portato ad un’inchiesta contro i vertici di alcune banche per usura, terminata con l’assoluzione degli imputati sia in primo grado che in secondo.

”Su questa vicenda – ha commentato Antonino De Masi – ritengo opportuno rammentare che in tutte le sedi giudiziarie e’ stato sempre confermato il reato. E’ da oltre 10 anni che ciò avviene ed il diritto bancario e il ruolo sonnolente dell’organo di vigilanza sono cambiati grazie alle mie battaglie. Ma nonostante tutto ciò e la conferma del reato di usura in tutte le sedi, il processo penale deve individuare una persona fisica che materialmente lo commette, e questo sembra essere una cosa molto complicata.

Chi di competenza dovrebbe intervenire per mettere fine ad una disputa che vede un cittadino che si sta svenando solo per cercare di avere giustizia, e per questo rischia di morire mentre le banche con i loro funzionari che hanno commesso reati gravissimi, continuano a far finta di nulla ed a operare”. ”Certamente le banche, grazie al loro enorme potere economico, ai lunghissimi tempi della giustizia ed a interventi legislativi di dubbia costituzionalità – ha concluso De Masi – tenteranno come sempre di farla franca, ma io da calabrese e da imprenditore faro’ ogni cosa per arrivare ad ottenere giustizia ed il risarcimento degli enormi danni subiti”.

Viviana Minasi

Ultimi Articoli

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Carcere di Palmi, al via un percorso di sostegno alla genitorialità per i detenuti

L'iniziativa è organizzata dalla Camera Minorile "Malala" di Palmi

Ossama Benkhalqui: da Gioia Tauro a X Factor, il viaggio di un giovane talento

Ex giocatore della squadra di calcio della città, oggi sogna di diventare un cantante di successo. Intervista al 19enne marocchino che si ispira aò rapper napoletano Geolier

Rosarno, oggi l’inaugurazione di “Villa Santelli” sorta su un bene confiscato

L'immobile è appartenuto alla famiglia Cacciola; UniReggio l'ha trasformato in un polo di servizi per la comunità

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Libertà e regole tra musica e diritto secondo Sabino Cassese

Il professore è intervenuto da remoto al Festival Nazionale che si è svolto a Palmi

Come regolare lo smartphone per salvaguardare gli occhi

Lo smartphone è il dispositivo elettronico più utilizzato in assoluto, il quale è posseduto...