Palmi, dalla Regione 470mila euro per riqualificare la sorgente Vina

I fondi, di cui beneficerà il Consorzio dell'acquedotto, serviranno per ammodernare anche tutti i serbatoi della rete, come quelli di Monteterzo, Tracciolino, Scinà e S. Elia, oltre che i ripartitori

0
75

«Abbiamo ottenuto dalla Regione Calabria un importante finanziamento, di importo pari a 470.000 euro, per il progetto di riqualificazione della sorgente Vina. A beneficiare dei fondi sarà il Consorzio dell’acquedotto, che potrà intervenire in modo efficace sull’ammodernamento, sull’efficientamento energetico e, di conseguenza, anche sull’impatto ambientale del servizio». È quanto annunciato dal sindaco di Palmi Giuseppe Ranuccio, sulla pagina Facebook del Comune.

«Lo studio di fattibilità – si legge ancora nel post – elaborato dall’ufficio tecnico del consorzio, prevede la realizzazione di opere da tempo in programma e in attesa di un’opportunità concreta per la loro messa in atto. L’aver trovato le risorse necessarie consentirà ora di effettuare la ristrutturazione degli edifici del gruppo sorgentizio e la riqualificazione degli spazi circostanti, la sostituzione delle pompe di sollevamento con nuove apparecchiature ad alto risparmio energetico, compreso il rifacimento dell’impianto elettrico ormai obsoleto, e l’installazione di un moderno sistema di telecontrollo che coinvolgerà non solo la sorgente Vina, ma anche tutti i serbatoi della rete, come quelli di Monteterzo, Tracciolino, Scinà e S. Elia, oltre che i ripartitori.

Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto – ha concluso – quello realizzato dal Consorzio acquedotto Vina è un progetto all’insegna dell’innovazione tecnologica, che metterà in atto un aggiornamento di tutti i sistemi gestionali e consentirà un notevole risparmio energetico e una migliore gestione della risorsa idrica, che nel corso degli anni diventa sempre più preziosa».