HomeAltre NotizieOspedale di Gioia: prosegue la protesta contro la chiusura dei reparti

Ospedale di Gioia: prosegue la protesta contro la chiusura dei reparti

Pubblicato il

imageGIOIA TAURO – Prosegue senza sosta il sit in avviato dagli amministratori gioiesi, così come lo sciopero della fame da parte del presidente del consiglio Domenico Cento e l’assessore Luigi Longobucco, contro la chiusura dei reparti di Cardiologia e Nefrologia dell’ospedale di Gioia Tauro.

Nessuna risposta é ancora arrivata dai rappresentanti politici della Regione Calabria. È a loro che é rivolta la protesta che proseguirà comunque ad oltranza. Se non ci dovessero essere novità entro lunedì, il sit in si sposterà nella sede della Regione direttamente a Catanzaro.

Il luogo della protesta intanto accoglie sindacati, associazioni e cittadini che si uniscono alla battaglia intrapresa. Il presidente Cento invita tutta la cittadinanza della Piana ad unirsi allo sciopero, aggiungendo la propria firma per dire “Si” al diritto alla salute.

Ultimi Articoli

Palmi, incontro tra sindaci: Ranuccio riceve il primo cittadino di Montlieu-la-Garde

Nicolas Morassutti, dopo essere stato in città nel 2018 per un'iniziativa di beneficenza, è tornato in vacanza

Alimenti senza certificazione in lidi e ristoranti: sanzioni per 25mila euro a Reggio

Sequestrati dai carabinieri oltre 400 kg di prodotti alimentari privi di tracciabilità e riscontrate in numerose attività gravi carenze igienico-sanitarie

Cittanova, gli studenti del liceo Guerrisi protagonisti della passeggiata lungo “Le vie dei poeti”

L'evento si svolgerà il 16 e 17 agosto a partire dalle 22

Violato il domicilio del consigliere Giancarlo Cannata

Spiacevole episodio per il consigliere di Polistena Futura Giancarlo Cannata. Qualche sera addietro ignoti...

Tra edilizia e arredamento, le case fanno ripartire l’economia

Si rimette in moto la macchina economica del nostro paese. E lo fa dopo...

Cashback: una formula vincente per l’e-commerce, ma non sostenibile per lo Stato

In questi giorni sono in pagamento gli ultimi rimborsi

Truffa all’UE, sequestrati beni per 163mila euro a una coppia del reggino

Avrebbero commesso reiterate condotte illecite volte al conseguimento di erogazioni pubbliche nel settore degli aiuti alle imprese agricole