HomeCronacaOppido, in manette padre e figlia per sequestro di persona e maltrattamenti...

Oppido, in manette padre e figlia per sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia

Pubblicato il

esterno seminterrato

PALMI – Avrebbe trascorso gli ultimi tre anni della sua vita rinchiusa in una camera da letto, in condizioni disumane e in una situazione igienico-sanitaria precaria. L’hanno liberata ieri i carabinieri, attirati da grida di lamento proveniente da un’abitazione a Messignadi, frazione poco fuori dal centro abitato di Oppido Mamertina.

Vittima di questa storia è una donna di 64 anni, Isabella Startari, costretta dal fratello Giovanni, classe ’46, e dalla nipote che porta il suo stesso nome e cognome, a vivere rinchiusa in una camera, senza la possibilità di uscire. Le avrebbero vietato tutto, persino di andare al bagno da sola. Il suo bagno era una porcilaia annessa all’abitazione nella quale è stata trovata, dove ci andava accompagnata dal fratello e dalla nipote. Le due persone sono state arrestate in flagranza di reato, con le accuse di sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia.

interno seminterrato

“La notizia è di quelle che fa riflettere molto sulle condizioni di disagio sociale in cui in questo territorio si vive – ha detto in conferenza stampa il procuratore aggiunto di Palmi Emanuele Crescenti – Sono fatti che ci fanno capire quanto le forze dell’ordine siano presenti nel territorio, perché a scoprire la donne sono stati i carabinieri, di passaggio dalla zona di Messignadi”.

Le indagini si stanno sviluppando in due direzioni – come ha spiegato il Capitano della Compagnia dei carabinieri di Palmi Maurizio De Angelis – ovvero verso la ricerca di eventuali altri complici in famiglia, e verso la direzione di un movente, che non si esclude sia quello economico.

Da sinistra De Angelis, Crescenti, Marino
Da sinistra De Angelis, Crescenti, Marino

La donna, infatti, percepiva una pensione di accompagnamento e quella di reversibilità del marito, e non è stato peregrino pensare per le forze dell’ordine che proprio la pensione possa essere stato il motivo per cui la donna è stata maltrattata e sequestrata. Pare che uno dei due familiari arrestati avesse una delega per ritirare i soldi dal conto della donna.

“La donna ha collaborato da subito con noi – ha aggiunto Crescenti – ed adesso si trova affidata ad un parente che risulta estraneo ai fatti”.

Ultimi Articoli

Estorsioni e intimidazioni per avere il controllo su Gallico: 18 misure cautelari

L'operazione coinvolge 40 persone ed è scaturita dall'omicidio di Francesco Catalano, avvenuto il 14 febbraio del 2019

Associazione mafiosa, omicidio, estorsione: 17 persone arrestate

Reggio, l’operazione “Gallicò” è stats eseguita da carabinieri e polizia

Venuti dal mare: torna lo spettacolo di SpazioTeatro che parla dell’arrivo dei Bronzi al Museo di Reggio Calabria

Un viaggio tra musica e parole in programma per la stagione teatrale “La casa dei racconti”

La vita tra verità e apparenza: a Palmi il pienone per “Così è se vi pare” con Milena Vukotic

Diverte e intriga il pubblico l'opera pirandelliana con la regia di Geppy Gleijeses, fiore all'occhiello della rassegna Synergia 48 promossa dall'associazione Amici della Musica

Estorsioni e intimidazioni per avere il controllo su Gallico: 18 misure cautelari

L'operazione coinvolge 40 persone ed è scaturita dall'omicidio di Francesco Catalano, avvenuto il 14 febbraio del 2019

Il ponte sullo Stretto finisce nel mirino della Procura di Roma

Aperto un fascicolo d’indagine dopo l’esposto presentato da Pd, Sinistra Italiana e Avs

Avrebbero alterato i controlli per far passare la droga al porto: arrestate tre persone

In manette due funzionari dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli e una dipendente di una società di spedizione. Sequestrate anche 2,7 tonnellate di cocaina