HomeCronacaMorte Maria Concetta Cacciola, arrestati i familiari e gli avvocati Cacciola e...

Morte Maria Concetta Cacciola, arrestati i familiari e gli avvocati Cacciola e Pisani

Pubblicato il

cacciola lazzaroROSARNO – L’avrebbero maltrattata, minacciata per costringerla a commettere un reato. Su di lei avrebbero esercitato violenza privata, fino al punto di indurla al suicidio. Così Maria Concetta Cacciola sarebbe morta nell’agosto del 2011, e per questi motivi, al termine dell’attività investigativa svolta dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, coordinati dalla Procura antimafia, ieri notte sono finiti in manette i genitori di Maria Concetta, Michele Cacciola e Anna Rosalba Lazzaro, il fratello della giovane, Giuseppe Cacciola, ed i due avvocati di famiglia, Vittorio Pisani e Gregorio Cacciola.

Gregorio Cacciola e Vittorio Pisani
Gregorio Cacciola e Vittorio Pisani

Si tratta dei legali che hanno difeso la famiglia di Maria Concetta Cacciola nel processo che si è celebrato a Palmi – terminato a luglio con la condanna di tutti e tre i familiari, condanne confermate anche in Appello solo pochi giorni fa. Proprio ieri Anna Rosalba Lazzaro aveva ottenuto la scarcerazione. Le accuse sono forti: i due avvocati finiti in manette sono infatti accusati, insieme ai genitori e al fratello di Maria Concetta Cacciola, di avere agito per favorire le cosche Bellocco e Cacciola della ‘ndrangheta, operanti a Rosarno.

I reati loro contestati sono concorso in maltrattamenti in famiglia e in violenza privata, aggravati dall’avere favorito un sodalizio mafioso. Ai cinque destinatari delle ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip distrettuale di Reggio Calabria su richiesta della Dda viene contestato, inoltre, il concorso in violenza o minaccia per costringere a commettere un reato e concorso in favoreggiamento personale, sempre con l’aggravante mafiosa.

Ultimi Articoli

Massiva attività di estorsione e assenza di denunce: così la ‘ndrangheta si è presa il territorio

Le parole del procuratore capo di Catanzaro Gratteri, e del Prefetto Messina descrivono una realtà drammatica che inquina fortemente l'economia

Cittanova, al Gentile in scena “Ditegli sempre di sì” di Eduardo De Filippo

In scena martedì 31 gennaio per la XIX Stagione Teatrale

Facoltà di Medicina a Reggio Calabria, riunito il tavolo istituzionale per l’avvio del percorso

Presenti i rappresentanti della Città Metropolitana, del Comune, della Camera di Commercio, dell'Ordine dei Medici e dell'Università Mediterranea.

Nei guai l’ex dirigente della Regione Pasquale Anastasi. L’accusa è di traffico illecito di influenze

Ai domiciliari anche un altro dirigente della Regione, Rodolfo Bova

Massiva attività di estorsione e assenza di denunce: così la ‘ndrangheta si è presa il territorio

Le parole del procuratore capo di Catanzaro Gratteri, e del Prefetto Messina descrivono una realtà drammatica che inquina fortemente l'economia

Nei guai l’ex dirigente della Regione Pasquale Anastasi. L’accusa è di traffico illecito di influenze

Ai domiciliari anche un altro dirigente della Regione, Rodolfo Bova