La Fondazione Aiga “Bucciarelli” promuove un corso di Alta Formazione in Diritto Penitenziario e Sociologia della Pena

Il corso si svolgerà attraverso la piattaforma Zoom nei mesi di Dicembre 2020 e Gennaio 2021

0
668

La Fondazione Aiga “T. Bucciarelli” e il Garante regionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale della Regione Calabria partner in un progetto formativo di eccellenza su diritto penitenziario e sociologia della pena.

La Fondazione Aiga Tommaso Bucciarelli e il Garante regionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale della Regione Calabria partner in un progetto formativo di eccellenza rivolto all’Avvocatura e al mondo giudico. Sono, infatti, state aperte le iscrizioni per il I Corso di Alta Formazione Professionale in Diritto Penitenziario e Sociologia della Pena.

Il Corso è indirizzato, principalmente, agli Avvocati che interagiscono con le problematiche penitenziarie. Si propone, con il contributo di esperti qualificati, di formare figure altamente specializzate nell’ambito dell’esecuzione penale e, in specie, del diritto penitenziario e del procedimento di sorveglianza.

Soddisfazione espressa dal Presidente avvocato Giovanna Suriano che rimarca come «la Fondazione Aiga si impone sempre maggiormente come polo di eccellenza nella formazione e creazione di cultura giuridica per la giovane Avvocatura di Aiga e, più in generale, tra gli operatori del diritto e la società, con particolare attenzione al tema dei diritti umani e della loro tutela».

L’avvocato Agostino Siviglia, Garante regionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale della Regione Calabria, ricoprirà l’incarico di Direttore Scientifico del corso. Secondo Siviglia «il percorso formativo si pone l’obiettivo ambizioso di fornire una preziosa “cassetta degli attrezzi” costituita dall’approfondimento dei più rilevanti profili di diritto penitenziario e sociologia della pena, mediante l’acquisizione di un sapere altamente professionalizzante».

Tra i relatori, esperti del calibro di Mauro Palma, Presidente del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, Giovanni Fiandaca, Michele Passione, Arturo Capone, Sofia Ciuffoletti.