HomeCronacaGioia Tauro: si indaga sul tentato omicidio di Giuseppe Brandimarte

Gioia Tauro: si indaga sul tentato omicidio di Giuseppe Brandimarte

Pubblicato il

GIOIA TAURO – A 24 ore dall’ennesimo episodio di violenza verificatosi a Gioia Tauro, proseguono a ritmo serrato le indagini degli agenti del Commissariato di Polizia cittadino. Si cerca una traccia, una “firma”, qualcosa che possa ricondurre gli investigatori a colui, o molto probabilmente coloro, che ieri mattina, armati di pistola e fucile, hanno esploso diversi colpi contro Giuseppe Brandimarte, il 40 enne di Rizziconi coinvolto nell’agguato. Pare infatti che siano stati almeno due gli esecutori della violenta sparatoria, molto probabilmente a viso coperto. 13 i bossoli rinvenuti dagli uomini della Polizia Scientifica all’interno del parcheggio del Cefris, segno questo che chi ha sparato voleva uccidere Brandimarte.

L’uomo si trova adesso ricoverato ai “Riuniti” di Reggio Calabria in condizioni gravi ma non è in pericolo di vita; i medici hanno fatto sapere che potrebbe perdere un occhio.

Gli investigatori, per risalire ad una possibile pista, vanno a ritroso nella vita di Giuseppe Brandimarte e scoprono che l’uomo è il fratello dello zio di Vincenzo Perri, il giovane che secondo la Procura di Palmi ha ucciso la scorsa estate, sempre a Gioia Tauro, intorno alle 8 del mattino, Vincenzo Priolo, e cognato di Girolamo Piromalli. Brandimarte era comunque un soggetto già noto alle Forze di polizia, indagato in passato per associazione mafiosa.

Gli inquirenti non escludono che alla base dell’agguato di ieri, possa esserci un regolamento di conti.

Viviana Minasi

Ultimi Articoli

Volley, l’OmiFer attende la Capitale nella bolgia del PalaSurace

Domani la squadra di mister Radici sfiderà in casa la SMI Roma

Al Teatro Gentile di Cittanova in scena Tosca d’Aquino e Giampiero Ingrassia

Il 9 febbraio appuntamento con "Amori e sapori nelle cucine del Gattopardo"

Reggio, domani la presentazione di “Guida all’Aspromonte misterioso”

Edito da Rubettino, è stato scritto da Giuseppe Battaglia e Alfonso Picone Chiodo

Commerciante derubata nel parcheggio di un centro commerciale di Taurianova: arrestato uno dei 2 responsabili

Alla vittima erano stati sottratti 500 euro in contanti, documenti ed effetti personali

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto