HomeAltre NotizieGioia, Sanità: La nota integrale dell'assessore Gaetano Condello

Gioia, Sanità: La nota integrale dell’assessore Gaetano Condello

Pubblicato il

Riceviamo e pubblichiamo:

Gaetano Condello

Da amministratore e componente della giunta di Gioia Tauro, ritengo gravoso ed offensivo l’innesto della polemica portata avanti dal Michele Tripodi, primo cittadino di Polistena, non solo perché devia totalmente il pensiero e l’azione del sindaco Renato Bellofiore, tentando di diffondere un’azione contorta del proprio operato, ma perché ne intacca le doti personali ed umane, spostando il problema sull’asse privato, che dovrebbe essere lasciato fuori da ogni modo sano di amministrare e gestire la cosa pubblica.

Nessun “ strisciante e meschino tentativo” di affossare l’ospedale Santa Maria degli Ungheresi di Polistena, ma l’intento di un sindaco, Renato Bellofiore, e di una amministrazione, quella di Gioia Tauro, di continuare a lottare e a battersi per il diritto primario dei cittadini: la salute. Al sindaco di Polistena Michele Tripodi, che attraverso la stampa ha dipinto il dovere di un amministratore come quello di una lotta privata tra sindaci , ribadisco che la volontà di rilanciare la struttura ospedaliera della città del porto non ha colore politico, ma risponde alle logiche elementari del potenziamento di un servizio essenziale per l’utenza, tanto per la posizione logistica che occupa, al centro nevralgico della piana , quanto per l’ampio target di riferimento. Di certo l’amministrazione comunale di Gioia Tauro non considera l’ospedale di Polistena come nemico primario della sanità pubblica, al contrario del pensiero totalmente fuorviante diffuso dal primo cittadino Tripodi, anzi riconosce il ruolo di spoke che la struttura attualmente occupa.

Appoggiando in pieno l’iter progettuale del mio sindaco, ribadisco la volontà dell’essere favorevole alla costruzione di un ospedale unico, obiettivo tra l’altro condiviso in più occasione dai 24 sindaci della piana, che possa sorgere al centro della stessa, assumendo quel ruolo strategico di accoglienza che per posizione, ne la struttura ospedaliera di Polistena ne quella di Palmi possono essere in grado di dare.

Risulta chiaro come quel “ nemico pubblico” a cui Tripodi allude senza avere il coraggio di nominare, non possa essere impersonificato dal governatore Scopelliti, ma sia il frutto delle errate scelte strategiche attuate dall’ex giunta regionale guidata da Loiero, filone politico al quale appartiene lo stessa ideologia di Tripodi, e che ha portato all’attuazione di quelle decisioni che sono responsabili della drammatica situazione della sanità regionale. Proprio per questo al governatore Scopelliti chiedo a gran voce la necessità di un evidente e necessaria inversione di tendenza, che possa portare alla realizzazione delle scelte attraverso la condivisione, anche in virtù del forte dato elettorale che la cittadina ha riconosciuto all’attuale giunta regionale, dando la giusta attenzione ad una comunità, quella di Gioia Taura, che in modo compatto ha sostenuto l’attuale giunta ed il suo programma, in cui il rilancio della città del porto rappresentava il punto principale per il rilancio dell’economia regionale, ponendosi come nodo economico ed industriale primario dell’intera provincia di Reggio Calabria. Sono diversi gli episodi che hanno visto Gioia Tauro protagonista per l’installazione di impianti di diversa natura, dallo smaltimento dei rifiuti al rigassificatore, dagli esiti e dalle conseguenze discutibili anche per la stessa cittadinanza.

E’ chiara dunque l’intenzione di chiedere a gran voce una posizione di maggiore presenza dell’amministrazione comunale di Gioia Tauro, guidata dal sindaco Renato Bellofiore, all’interno dei tavoli decisionali strategici, senza subire il peso di decisioni imposte dall’alto, e assistendo inermi , giorno dopo giorno, al depotenziamento delle sue peculiarità e servizi essenziali, che l’hanno resa il polo economico primario nel recente passato. Interpretare come un tentativo personalistico la voglia di riscatto di un amministrazione comunale, e convincersi che il l’obiettivo principale del sindaco Bellofiore sia “ il pallino di affossare Polistena” è evidentemente il contrario della politica di unione e coesione tra gli amministratori declamata da Tripodi, che invito a concentrarsi maggiormente nell’impegno alla difesa al diritto della salute, a prescindere dal territorio di riferimento, dal personalismo, e soprattutto a liberarsi dalla logica di aderenza totale ai colori politici, soprattutto se a pagarne care conseguenze, è la salute del cittadino.

Gaetano Condello
Assessore alle attività produttive
Comune di Gioia Tauro

Ultimi Articoli

Palmi, la storia di Santa Rita da Cascia diventa una rappresentazione teatrale

Domani 28 maggio e mercoledì nell'Auditorium della parrocchia Santa Famiglia andrà in scena l'opera sulla storia della santa dei casi impossibili

Giovedì torna a Reggio il ministro Salvini per un focus sul ponte sullo Stretto

Gelardi (Lega): «L'opera può rappresentare il primo e più importante passo verso il progetto di abbattimento del divario tra nord e sud del Paese»

Gli alunni della scuola “Casella” di Rizziconi fanno il pieno di successi in tre manifestazioni musicali

10 studenti, frequentanti i corsi di flauto traverso e chitarra, si aggiudicano un terzo premio, un primo premio e un assoluto in tre concorsi nazionali

Inaugurato un Punto prelievi dell’ASP di Reggio Calabria. La soddisfazione del consigliere Giannetta

«Tassello dopo tassello, stiamo ricostruendo la sanità»

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Libertà e regole tra musica e diritto secondo Sabino Cassese

Il professore è intervenuto da remoto al Festival Nazionale che si è svolto a Palmi

Come regolare lo smartphone per salvaguardare gli occhi

Lo smartphone è il dispositivo elettronico più utilizzato in assoluto, il quale è posseduto...