HomeAltre NotizieGerace: successo per "Chiese Aperte", le visite guidate dell'associazione "Meissa"

Gerace: successo per “Chiese Aperte”, le visite guidate dell’associazione “Meissa”

Pubblicato il

Di Chiara Furfaro – I vicoli hanno salutato l’estivo andirivieni di turisti, con i loro passi stranieri e gli accenti diversi, le borracce e le mascherine, lo stupore e gli scatticol telefonino. Ad inondare il borgo resta il vento: s’infila in ogni pertugio, chiama la polvere a danzare con lui, gioca ad acchiapparella con le pietre degli edifici; vince sempre lui.

Le chiese, aperte ogni domenica d’agosto, ad accogliere chiunque volesse scoprirne i tesori, restano adesso immerse nei ricordi dell’estate appena trascorsa, delle centinaia di volti che stupefatti le hanno ammirate, delle orecchie che attente hanno ascoltato e appreso i loro segreti, le loro storie a lungo dimenticate,  raccontate ossequiosamente dai volontari del progetto Chiese Aperte.

Un manipolo di giovani, infatti, ha desiderato omaggiare il patrimonio d’immenso valore artistico-culturale della diocesi di Locri-Gerace, con una serie di visite guidate, verificatesi 9, 16, 23 e 30 agosto. L’evento, ha riscontrato non solo grande partecipazione di pubblico, ma anche suscitato entusiasmo sincero e convinta approvazione per la sua accuratezza e innovatività.

L’associazione culturale Meissa, che ha curato il progetto Chiese Aperte, sovvenzionato con i fondi dell’otto per mille alla Chiesa Cattolica, ha immaginato e realizzato il tour di quattro santuari geracesi, veri e propri gioielli artistici e scrigno per altrettanto pregevoli manufatti: la chiesa di San Michele de Latinis, la chiesa del Sacro Cuore di Gesù, la chiesa della Madonna Addolorata e la chiesa del Monastero di Sant’Anna.

Cos’ha determinato il successo di questa iniziativa?

Innanzitutto, l’aver messo a portata di tutti, la fruizione di pezzi di storia, sì ecclesiastica, ma soprattutto locale, che normalmente sono di difficile fruizione e saltuariamente aperte al culto.

Lo stile, con cui le visite guidate sono state condotte: contenuti ben presentati, guide preparate e uno staff cordiale e lungimirante, nel prevedere i possibili bisogni di un pubblico variegato.

Non resta dunque che augurarci un prosieguo futuro del progetto “Chiese Aperte” per l’anno venturo, alla scoperta di altri templi della cristianità e un saluto a quelli conosciuti quest’anno, che come tutti gli anziani, hanno una storia nuova da raccontare, ogni volta che si fa loro visita.

 

Ultimi Articoli

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Carcere di Palmi, al via un percorso di sostegno alla genitorialità per i detenuti

L'iniziativa è organizzata dalla Camera Minorile "Malala" di Palmi

Ossama Benkhalqui: da Gioia Tauro a X Factor, il viaggio di un giovane talento

Ex giocatore della squadra di calcio della città, oggi sogna di diventare un cantante di successo. Intervista al 19enne marocchino che si ispira aò rapper napoletano Geolier

Rosarno, oggi l’inaugurazione di “Villa Santelli” sorta su un bene confiscato

L'immobile è appartenuto alla famiglia Cacciola; UniReggio l'ha trasformato in un polo di servizi per la comunità

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Sabato a Taurianova la presentazione del libro “Il riflesso degli Eroi” del Generale Rispoli e del Capitano Catizone

L'iniziativa rientra tra le manifestazioni proposte per l'evento Capitale del Libro 2024

Camera Minorile di Palmi si avvia alla conclusione il progetto di educazione alla legalità

Importante progetto dedicato alle devianze minorili, che ha coinvolto diversi soggetti istituzionali e imprenditori locali