HomeLavoroCrisi al Porto: Il punto della situazione

Crisi al Porto: Il punto della situazione

Pubblicato il

GIOIA TAURO – Alla fine anche il Governatore Giuseppe Scopelliti si è convinto. Per mantenere alto il livello dello scalo Calabrese la Medcenter Container Terminal deve liberare parte della banchina. E’ un passaggio cruciale e fondamentale quello del Presidente della Regione espresso durante la seduta dell’assemblea a Reggio Calabria. E sarà indicativo per l’incontro romano, dove si tratterà della delicatissima situazione dell’hub al centro di trattative commerciali che si giocano anche molto lontano dalla Calabria e dalla stessa capitale, vale a dire i contatti incrociati tra Msc, Mct e Maersk.
La prima vuole il terminal o parte di esso, la Maersk abbandona ma non cede le azioni, la Mct in bilico chiede tempo e cerca aiuto al Governo. Ma proprio su questi passaggi molto complessi, è significativo che Scopelliti sempre nella seduta del Consiglio Regionale abbia affermato che «sia la stessa Mct a non voler cedere le azioni di Maersk a Msc».
A questo punto verrebbe da chiedersi cosa farà la Msc? Il Gruppo di Gianluigi Aponte, che da solo traina lo scalo calabrese, in questi giorni sta facendo arrivare a Gioia Tauro poche navi. Forse il colosso ha capito la strategia di Mct e intende far valere la sua enorme potenza commerciale in un porto, una volta “ingorgato” di compagnie e ora in “desolante” attesa.
A Roma si giocherà la partita decisiva per il futuro dello scalo, ma a breve sarà inevitabile la mobilità. Ma c’è un paradosso: la Msc vuole il terminal con un massimo di forza lavorativa pari a 700 unità. La strategia della Mct è proprio in questa direzione. Da ciò ne discende che Msc e Mct non sono poi tanto distanti come sembra e come ha affermato lo stesso Scopelliti. Rimane del tutto enigmatica la posizione di Maersk che non vede certamente di buon occhio la surroga di Msc. Posizione che si sarebbe maggiormente ingarbugliata se corrispondesse al vero la circostanza che sarebbe proprio la Mct a impedire la cessione del 33% della stessa società di Ap Moller. Scarso peso commerciale? Alto disinteresse tanto da delegare per una trattativa così importante la Mct? Voglia di tenere come sponda di riserva Gioia? Tutte domande senza risposte.
Purtroppo anche in questo caso qualcosa non torna, ma siamo abituati: i piatti da noi si conoscono solo quando sono già serviti!

Alfonso Naso

Ultimi Articoli

Estorsioni e intimidazioni per avere il controllo su Gallico: 18 misure cautelari

L'operazione coinvolge 40 persone ed è scaturita dall'omicidio di Francesco Catalano, avvenuto il 14 febbraio del 2019

Associazione mafiosa, omicidio, estorsione: 17 persone arrestate

Reggio, l’operazione “Gallicò” è stats eseguita da carabinieri e polizia

Venuti dal mare: torna lo spettacolo di SpazioTeatro che parla dell’arrivo dei Bronzi al Museo di Reggio Calabria

Un viaggio tra musica e parole in programma per la stagione teatrale “La casa dei racconti”

La vita tra verità e apparenza: a Palmi il pienone per “Così è se vi pare” con Milena Vukotic

Diverte e intriga il pubblico l'opera pirandelliana con la regia di Geppy Gleijeses, fiore all'occhiello della rassegna Synergia 48 promossa dall'associazione Amici della Musica

“Calabria straordinaria”: il presidente dell’Autorità di Sistema Agostinelli presenta all’evento

Il confronto si è tenuto nella sede della Cittadella regionale a Catanzaro

Il decreto milleproroghe lascia l’amaro in bocca ai lavoratori della Port Agency. Futuro a rischio

La Filt-CGIL preoccupata per la sorte delle 80 persone in servizio al porto di Gioia Tauro

Cinquefrondi, Conia sostiene la protesta dei tirocinanti TIS

Il Comune di Cinquefrondi con l’appoggio del sindaco Michele Conia, con una visione attenta...