HomeSocietàCittanova, inaugurata alla SRC una sala di doppiaggio intitolata a Oreste Lionello

Cittanova, inaugurata alla SRC una sala di doppiaggio intitolata a Oreste Lionello

Pubblicato il

Oreste Lionello, attore e doppiatore tra i più noti del cinema italiano, nella sua lunga carriera ha donato la voce ad artisti come Woody Allen, Gene Wilder, Michel Serault e Charlie Chaplin. Mattatore del palcoscenico e tra i fondatori della società di doppiaggio CVD (Cine Video Doppiatori), è stato anche tra gli storici protagonisti del varietà televisivo e colonna del Bagaglino.

Un artista incredibile, nato in Grecia ma reggino di adozione, che la SRC – Scuola di Recitazione della Calabria ha voluto omaggiare intitolando a lui la nuova sala di doppiaggio realizzata nella sede della scuola di Cittanova, l’ex carcere cittadino, inaugurata sabato 11 maggio nell’ambito di una due giorni dedicata proprio all’arte del doppiaggio e al ricordo del grande Lionello.

“Si può fare!” è il titolo scelto per l’iniziativa, non solo come omaggio all’iconico urlo di Wilder in “Frankenstein Junior”, doppiato da Lionello, ma come messaggio concreto di ottimismo, determinazione e sguardo rivolto al futuro e alle nuove generazioni di professionisti del settore cinematografico.

Queste infatti sono state le parole chiave al centro dell’intenso pomeriggio che ha preceduto il taglio del nastro e che ha visto susseguirsi gli interventi di fuoriclasse del settore come Carlo Valli, inconfondibile voce italiana di Robin Williams, Renato Cortesi, doppiatore di Gérard Depardieu, e del cosentino Pasquale Anselmo, voce di Nicolas Cage.

Tra momenti dedicati alle lezioni teoriche e il racconto di aneddoti tratti dalle esperienze vissute in sala montaggio e sui più grandi set della storia del cinema, oltre ai loro preziosissimi ricordi personali legati a Lionello, gli ospiti hanno offerto ai presenti un’occasione unica di confronto e formazione, arricchita anche da coinvolgenti dibattiti con il pubblico in sala. Al centro del dialogo, temi di grande attualità come l’utilizzo dell’intelligenza artificiale nel cinema e nell’arte in generale, ma anche riflessioni sulle possibilità di sviluppo del territorio calabrese attraverso le produzioni cinematografiche.

Al termine delle masterclass, l’inaugurazione della sala di doppiaggio, con la conduzione del direttore della SRC Walter Cordopatri e di Marco Bonardelli, giornalista per “Cultura e Spettacoli” di “Gazzetta del Sud” e co-fondatore e caporedattore di Enciclopedia del Doppiaggio. Alla cerimonia sono intervenuti anche la Senatrice Tilde Minasi e il Consigliere Regionale Giuseppe Mattiani, che, in apertura, hanno confermato l’impegno nell’offrire il loro supporto alla scuola per tutte le iniziative future. Presenti anche Marco Cesaro e Antonia Grimaldi del Giffoni Film Festival.

Ad arricchire l’inaugurazione, anche la proiezione di un video tratto da “La storia siamo noi di Giovanni Minoli”, che ha reso omaggio ad Oreste Lionello attraverso i contributi video di alcuni grandi artisti del cinema e della televisione italiana, e l’emozionante interpretazione di Carlo Valli e Pasquale Anselmo di alcuni versi tratti da “Cyrano de Bergerac”, magistralmente tradotti da Lionello.

«Ammetto di essere emozionatissimo – ha dichiarato il direttore Cordopatri – perché essere qui a inaugurare una sala di doppiaggio in onore di Oreste Lionello, alla presenza di alcune delle voci più note e belle del doppiaggio italiano, è già un segno tangibile delle sinergie che questa scuola è stata in grado di creare. Da oggi, alle oltre 25 discipline insegnate alla SRC, si aggiunge anche il doppiaggio, ma non è abbastanza».

Cordopatri ha infatti annunciato di aver avviato i primi dialoghi con il Ministero, con il supporto della Senatrice Minasi, per raggiungere un altro importantissimo traguardo: «L’obiettivo che ci siamo posti è quello di far riconoscere alla Scuola la possibilità di rilasciare il diploma di primo livello accademico di recitazione, cosa ancora mai avvenuta per una scuola di recitazione del Sud Italia».

Ultimi Articoli

Palmi, la storia di Santa Rita da Cascia diventa una rappresentazione teatrale

Domani 28 maggio e mercoledì nell'Auditorium della parrocchia Santa Famiglia andrà in scena l'opera sulla storia della santa dei casi impossibili

Giovedì torna a Reggio il ministro Salvini per un focus sul ponte sullo Stretto

Gelardi (Lega): «L'opera può rappresentare il primo e più importante passo verso il progetto di abbattimento del divario tra nord e sud del Paese»

Gli alunni della scuola “Casella” di Rizziconi fanno il pieno di successi in tre manifestazioni musicali

10 studenti, frequentanti i corsi di flauto traverso e chitarra, si aggiudicano un terzo premio, un primo premio e un assoluto in tre concorsi nazionali

Inaugurato un Punto prelievi dell’ASP di Reggio Calabria. La soddisfazione del consigliere Giannetta

«Tassello dopo tassello, stiamo ricostruendo la sanità»

Palmi, la storia di Santa Rita da Cascia diventa una rappresentazione teatrale

Domani 28 maggio e mercoledì nell'Auditorium della parrocchia Santa Famiglia andrà in scena l'opera sulla storia della santa dei casi impossibili

Gli alunni della scuola “Casella” di Rizziconi fanno il pieno di successi in tre manifestazioni musicali

10 studenti, frequentanti i corsi di flauto traverso e chitarra, si aggiudicano un terzo premio, un primo premio e un assoluto in tre concorsi nazionali

Inaugurato un Punto prelievi dell’ASP di Reggio Calabria. La soddisfazione del consigliere Giannetta

«Tassello dopo tassello, stiamo ricostruendo la sanità»